Sport
Commenta

Shotokan Karate Do, pioggia di podi ai Campionati Italiani disputati a Fidenza

Lo Shotokan è risultata la quarta società sportiva classificata nella specialità Percorso e Palloncino; la sesta società classificata nella specialità Kata, la settima società in classifica generale. Un weekend sicuramente impegnativo e soddisfacente.

CASALMAGGIORE – Ottimi risultati per lo Shotokan Karate Do Sabbioneta-Casalmaggiore, capitanato dal Maestro Claudio Lena, agli ultimi Campionati Italiani di Karate CSEN 2016/2017, svoltisi a Fidenza. Nonostante l’influenza avesse ridotto il team giallo/blu, i risultati sono giunti forti e chiari. Erano 132 le associazioni sportive provenienti da tutta Italia, 1400 gli atleti presenti, circa 3000 le prove disputate e un centinaio gli ufficiali di gara dislocati sugli 8 tatami presenti al PalaPratizzoli.

Lo Shotokan è risultata la quarta società sportiva classificata nella specialità Percorso e Palloncino; la sesta società classificata nella specialità Kata, la settima società in classifica generale. Un weekend sicuramente impegnativo: già dalle prime battute si è visto un livello nella specialità Kata in grande crescita, ma questo non ha fermato l’entusiasmo degli atleti del Maestro Lena che si sono distinti sia a livello individuale che a squadre nelle categorie cinture marroni e nere.

La giornata di domenica, ha visto impegnate le categorie dei giovanissimi, e i podi sono arrivati con 5 primi posti e quindi Campioni Italiani nella rispettiva categoria di età, cintura e specialità. Si tratta di Lisa Rovina nel Percorso cinture bianco/gialla categ. bambini, Vlad Bulat nel Palloncino cinture bianca categ. ragazzi, Damiano Fava nel Percorso cinture marrone categ. ragazzi, Martina Busi nel Kata cinture arancio categ. cadette ed Elisa Ferrazzi nel Kata cinture blu categ. cadette. A queste vittorie vanno aggiunti ben 8 secondi posti, 10 terzi posti, 13 quinti posti, 6 sesti posti, 1 settimo posto, 1 ottavo posto.

Grande soddisfazione per i Tecnici che hanno seguito gli atleti durante tutta la trasferta, ovvero Ivan Mazzini, Cristian Bianchin e Noemi Lena, con impegno, serietà e costanza, ma anche sano divertimento. “Proprio durante queste manifestazioni – spiegano dallo Shotokan – nascono amicizie, si vive il confronto e talvolta si impara ad accettare la sconfitta, ecco perché il Karate può essere visto come valido strumento di crescita personale, di rinforzo dell’autostima e di prevenzione del bullismo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti