Commenta

Torricella del Pizzo chiude la
rassegna dei presepi: premiate
scuole e gli appassionati locali

Per quanto concerne il concorso “Illuminiamo il Natale”, parallelo rispetto alla quinta edizione de “I Presepi della Bassa”, promosso dal comune per il terzo anno di fila e riservato ai torricellesi, puntava a premiare ogni composizione, non necessariamente un presepe, realizzata presso le abitazioni private.

TORRICELLA DEL PIZZO – Natale si è ufficialmente concluso con l’Epifania del 6 gennaio, ma considerato il weekend lungo regalato dal calendario, ecco che l’Agriturismo La Torretta di Torricella del Pizzo ne ha approfittato per chiudere la rassegna dedicata ai presepi nel pomeriggio di domenica. Un evento, quello denominato “I Presepi della Bassa”, ormai divenuto tradizionale da cinque anni a questa parte, con la struttura casalasca gestita dalla famiglia Fadani, che ha ospitato dalla metà di dicembre una cinquantina di opere, in qualche caso veri e propri pezzi d’arte, dedicati alla nascita di Gesù. Non mancava il sindaco di Torricella del Pizzo Emanuel Sacchini a conferma di quanto sia sentito questo momento dalla comunità, senza dimenticare il presidente dell’Auser Guglielmo Mantovani.

Oltre agli attestati per tutti i partecipanti, da qualche tempo nel paese casalasco hanno pensato di dare spazio anche alle composizioni delle scuole, premiate tutte allo stesso modo con una scelta saggia. Un modo per trasmettere la magia del Natale, e del presepe che ne è simbolo, anche alle giovani generazioni. In particolare le classi quarte di Scandolara Ravara hanno scelto come tema nel loro doppio presepe il “Tutto in una notte”, per rimarcare l’immediatezza del giorno celebrato dai Cristiani il 25 dicembre, mentre le classi prime e una terza di Gussola hanno realizzato un presepe ispirato al terremoto del Centro Italia, nel passaggio “Dalle macerie alla vita” mediante la luce di Gesù Bambino. Per la Materna di Gussola infine spazio alla tematica “Amore per gli uomini e rispetto per la natura”, riprendendo così il messaggio più ecologista del Vangelo con un presepe realizzato in carta.

Per quanto concerne il concorso “Illuminiamo il Natale”, parallelo rispetto alla quinta edizione de “I Presepi della Bassa”, promosso dal comune per il terzo anno di fila e riservato ai torricellesi, questo puntava a premiare ogni composizione, non necessariamente un presepe, inerente al Natale e realizzata presso le abitazioni private del paese. Lo scorso anno vinse il presepe realizzato con materiale di recupero ricavato in golena dopo una piena del Po. Quest’anno il primo posto è andato ad Annita Lupi, che ha ricreato l’atmosfera di un paesino di montagna durante il Natale, la seconda piazza è stata conquistata dall’albero realizzato con pacchi regalo da Gianluigi Pelizzoni, mentre Paolo Morini ha chiuso il podio con un bel gioco di luci sulla facciata della propria abitazione.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti