Cronaca
Commenta

Ex casa Dadone, scritta contro i profughi. Gli imbrattamuri non credono allo scherzo

Nelle settimane scorse era stato affisso sulla casa uno striscione di una pseudo agenzia immobiliare che lasciava appunto presagire la destinazione dell’edificio a tale temuto progetto. Lo striscione era stato poi tolto.

CASALMAGGIORE – La paura che arrivino i profughi a Casalmaggiore scatena un’autentica fobia in paese. Al punto da spingere qualcuno a scrivere la propria contrarietà sul muro di quella casa che, per scherzo o per burla, era stata indicata come possibile sede di raccolta e ospitalità agli immigrati. Una piccola abitazione, ex sede della Camera del Lavoro e residenza dell’indimenticabile Giovanni Dadone, da anni disabitata.

Nelle settimane scorse era stato affisso sulla casa uno striscione di una pseudo agenzia immobiliare che lasciava appunto presagire la destinazione dell’edificio a tale temuto progetto. Lo striscione era stato poi tolto e in Comune era giunta la smentita che qualcuno avesse presentato richiesta per tale iniziativa. Si è immaginato quindi si fosse trattato semplicemnte di uno scherzo ma evidentemente tutto ciò non è bastato perchè proprio ieri i sulla stessa casa è apparsa una scritta a vernice nera con cui si ribadisce perentoriamente la contrarietà all’arrivo di gente non gradita. Una presa di posizione comunicata con quella grande scritta nera “No ai Profughi”.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti