Commenta

Martignana Po, discarica
abusiva in golena, il sindaco
interviene. Sabato la bonifica

"Purtroppo c'è di tutto - spiega Andrea Visioli che sta valutando il percorso definitivo dell'Eridano Adventure - ed è un peccato anche pensando agli animali che nidificano in zona".

MARTIGNANA PO – Forse la responsabilità è – come qualcuno racconta – di chi si è fermato lì per qualche tempo. Ma la responsabilità non ha quasi mai padri certi, restano solo i danni da bonificare e un’amarezza che rimane. I danni, in questo caso, in una zona splendida di golena dove fanno tana le volpi e non di rado si incontrano i caprioli, sono una distesa considerevole di bottiglie di plastica, di resti di pasti consumati e pure – come ci segnala Andrea Visioli – di bombole del gas lasciate lì, a futura memoria dell’imbecillità umana. Il problema è che essendo area di pertinenza privata non si può neppure segnalare a Casalasca per un intervento risolutore. Molta della plastica è stata gettata tra i rovi. Salendo sull’argine all’altezza di San Serafino e scendendone subito dopo, imboccando la prima sterrata che si incontra, al punto incriminato ci si arriva in un quarto d’ora di passeggio. Ancor più rapida la strada se invece di scendere dalla parte di san Serafino vi si arriva dalla seconda delle strade che vanno verso la golena, andando in direzione Agoiolo e poi scendendo. La solita discarica, si dirà. Il solito problema delle aree lontane dagli occhi dove gli imbecilli si sentono liberi di mostrare il loro volto peggiore. Come in questo caso. “Purtroppo c’è di tutto – spiega Andrea Visioli che sta valutando il percorso definitivo dell’Eridano Adventure – ed è un peccato anche pensando agli animali che nidificano in zona. Ci sono anche scatolette e resti di cibo chiusi in scatole, oltre alle bombole del gas”. Il sindaco Alessandro Gozzi, informato questa mattina, è andato a verificare personalmente con un cantoniere la situazione e disposto un intervento che lo vedrà direttamente coinvolto sabato. Verrà rimossa tutta la spazzatura – soprattutto plastica – accumulatasi. E soprattutto rimosse le bombole del gas malmesse abbandonate in golena. “Intanto che stavamo facendo la verifica – racconta Gozzi, uno dei sindaci più sensibili alle tematiche ambientaliste che il nostro territorio può vantare – abbiamo incrociato un gruppo di caprioli. Erano in sette. Uno spettacolo”. Un ambiente unico – quello golenale – che qualche imbecille di turno cerca sempre di deturpare. “Sabato pomeriggio le ‘forze del Bene di Martignana di Po’ – spiega Andrea Visioli – saranno all’opera per la pulizia. Oltre a questo sacco di bottiglie è il resto che è più impegnativo e pericoloso: ci sono due bombole del gas, qualche cassetta di plastica e qualche copertone (di trattore). Si attendono rinforzi: la zona è interessata da un mesetto ad opera di decespugliamento da parte dell’organizzazione dell’Eridano Adventure Trail che il 19 marzo passerà lì a fianco. La zona è infatti candidata ad essere il primo impianto sportivo riconosciuto per la preparazione sportiva in ambiente naturale: vera e propria “Palestra Verde” in golena, ai piedi dell’argine Maestro, tra caprioli e tane di volpe. Un impianto CONI perfettamente ecosostenibile che non necessita di strutture artificiali, essendo ricavato dall’Ambiente stesso, tra scorci di una natura tipicamente padana”.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti