Commenta

Memoria prosegue: martedì
a Viadana Carla Osella
racconta l'Olocausto zingaro

“Spero che potremo incontrarci in tanti - spiega Marialuisa Manfredi Chiarini, presidente dell’associazione “Cittadini Insieme” - intorno a questo tema che pone i riflettori anche sul nostro presente culturale e politico, dove il razzismo e la deumanizzazione continuano ad essere ingredienti della comunicazione".
Nella foto Carla Osella

VIADANA – Non si è conclusa lo scorso 27 gennaio, la Giornata della Memoria. E lo dimostra l’evento già programmato per martedì 31 gennaio presso l’Auditorium Gardinazzi di piazzetta Orefice a Viadana. Sarà infatti presente, come ospite d’onore dalle ore 21 la dottoressa Carla Osella, presidente  della commissione internazionale sull’Olocausto (votata da 22 Paesi), la quale ha condotto per 10 anni ricerche nei campi di sterminio europei sulla presenza delle popolazioni zingare.

I dati raccolti, che costituiscono una insostituibile base storica di conoscenza sull’Olocausto del popolo Romanes, sono stati registrati nel libro ora depositato anche al museo dell’Olocausto di Washington. Il documentarista Pierluigi Bonfatti Sabbioni, in accordo con la sede nazionale dell’AIZO (Associazione Italiana Zingari Oggi) di Torino, ha curato una divulgazione multimediale che sarà presentata nella serata, organizzata da “Noi, Ambiente, Salute”, da AIZO, dall’associazione “Cittadini insieme”, da “Rete Rosa” e dal “Coordinamento Popolo in dialogo”.

“Spero che potremo incontrarci in tanti – spiega Marialuisa Manfredi Chiarini, presidente dell’associazione “Cittadini Insieme” – intorno a questo tema che pone i riflettori anche sul nostro presente culturale e politico, dove il razzismo e la deumanizzazione continuano ad essere ingredienti della comunicazione mediatica e del pensiero comune di molti. Ringraziamo la preside Maria Teresa Barzoni, i ragazzi e i docenti del polo scolastico superiore Sanfelice di Viadana, che hanno accettato con interesse di estendere il tema della Memoria al popolo zingaro contribuendo a dar voce a uomini e donne la cui ghettizzazione, esclusione, negazione non ha fine”.

Durante la mattinata del 31 gennaio infatti, a partire dalle ore 9 e fino alle ore 13, si terrà l’incontro delle classi di ragioneria e liceo con la dottoressa Osella e la proiezione del documentario. Alla sera invece l’evento aperto al pubblico. Fino alle 21 inoltre è a disposizione del pubblico la mostra fotografica sull’Olocausto zingaro allestita in auditorium Gardinazzi.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti