Commenta

Varchi elettronici a
Casalmaggiore? Il comune
pronto a partecipare al bando

Lunedì mattina poi in visita in comune vi era Federica Deledda, comandante provinciale della Polstrada di Cremona, assieme al commissario Gaspare Liuzza, che dirige la caserma di via Porzio a Casalmaggiore. Una sorta di visita di cortesia, ma del progetto si è parlato.

CASALMAGGIORE – I varchi elettronici sarebbero in arrivo anche a Casalmaggiore: il condizionale è d’obbligo e non certo per la volontà da parte dell’amministrazione comunale, che anzi è pronta a sposare il progetto, quanto piuttosto per il risultato, ovviamente ancora da conoscere, del bando regionale sulla sicurezza al quale Casalmaggiore parteciperà.

Il tema è parecchio sentito dalla giunta Bongiovanni e lo stesso sindaco ha del resto ribadito quanto il concetto sia caro alla sua amministrazione nell’ultima conferenza stampa di sabato, nel resoconto di metà mandato. Lunedì mattina poi in visita in comune vi era Federica Deledda, comandante provinciale della Polstrada di Cremona, assieme al commissario Gaspare Liuzza, che dirige la caserma di via Porzio a Casalmaggiore. Una presenza informale, una sorta di visita di cortesia, durante la quale però, secondo i bene informati, questo progetto, al quale il comune casalese vuole appunto partecipare, sarebbe stato illustrato almeno a grandi linee.

Qualora infatti il bando sicurezza di Regione Lombardia portasse nuovi fondi proprio a Casalmaggiore, ecco che il comune sarebbe pronto a coinvolgere la Polstrada per una collaborazione proficua. Già, ma nel dettaglio cosa prevede l’operazione? L’arrivo, appunto, di varchi elettronici, che verrebbero piazzati sulle vie di accesso alla città (si presume, per cominciare, lungo l’Asolana in frazione di Vicobellignano o lungo la Castelnovese in frazione di Vicomoscano); e che avrebbero il compito di rilevare le targhe delle auto che transitano da Casalmaggiore, per scoprire eventuali problemi legati ad assicurazione, bollo o revisione, oltre che – e questo è il caso che interessa di più – eventuali mezzi rubati e il cui furto sia stato denunciato.

Nessun altro dettaglio per ora emerge, ma il progetto dovrebbe passare in giunta giovedì: a quel punto sarà possibile conoscere qualcosa di più, sia sulle strade lungo le quali verranno installati i varchi, sia sul costo dell’operazione, con relativo finanziamento richiesto al Pirellone.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti