Commenta

Da Isola Dovarese
a "L'Eredità": ma Nicolò
Bonati si ferma presto

Quando si è presentato Nicolò ha spiegato di arrivare da un paese piccolo, 1200 abitanti appena, ma capace di richiamare 10mila persone durante l’evento del Palio di Isola Dovarese, giunto alla sua 50esima edizione proprio nel settembre scorso.

ISOLA DOVARESE – Anche un Casalasco a “L’Eredità”, popolare gioco a quiz televisivo in onda tutte le sere su Rai 1 che, da qualche anno, dopo il periodo di conduzione di Carlo Conti, è ora affidato a Fabrizio Frizzi. Nicolò Bonardi, tecnico di laboratorio esperto di omoderivati, da Isola Dovarese (ma il ragazzo lavora a Parma) ha partecipato alla trasmissione nella puntata di sabato. Quando si è presentato Nicolò ha spiegato di arrivare da un paese piccolo, 1200 abitanti appena, ma capace di richiamare 10mila persone durante l’evento del Palio di Isola Dovarese, giunto alla sua 50esima edizione proprio nel settembre scorso.

Nicolò non ha purtroppo fatto molta strada: dopo la prima eliminazione, ha infatti commesso un doppio errore ravvicinato prima sulla durata in carica dei capitani reggenti di San Marino e poi sull’origine della “Ninna Nanna” di Brahms. A quel punto ha sfidato il romano Sergio Mantenuto, risultando sconfitto e cedendo così la sua parte di eredità (10mila euro sino a quel momento) all’avversario.

G.G. 

© Riproduzione riservata
Commenti