Commenta

Il Museo Civico Parazzi
aumenta i propri numeri
e si prepara al rinnovamento

"Si sta procedendo - ha spiegato Zucchini - con l'acquisizione delle postazioni multimediali ottenute a seguito di finanziamento tramite bando da parte di Regione Lombardia. Tali postazioni, oltre ad essere al passo con i tempi e oltre a condurre il Museo verso un'impostazione più dinamica, permettono anche una maggior fruibilità".

VIADANA – Sono stati resi noti i dati relativi agli ingressi del Museo Civico di Viadana, alla presenza dell’assessore alla Cultura Ilaria Zucchini: dati che si possono ritrovare nella tabella a piè pagina. Vi è una distinzione tra Museo Parazzi e Museo della Città, in quanto negli anni passati una struttura prevedeva il pagamento di ingresso e l’altra no. Il 2016 ha registrato un sensibile aumento di visitatori del Museo Civico che sono stati complessivamente 2423.

Diversi fattori hanno contribuito a questo positivo risultato: primo tra tutti l’aumento della presenza del conservatore archeologico dott.ssa Daniela Benedetti (da 10 a 16 ore). A questi si aggiungano la gratuità dell’ingresso al Museo che ha favorito le visite libere; l’organizzazione di eventi per adulti e per famiglie, sia quelli promossi e organizzati da Assessorato alla Cultura e Museo, sia la ripresa delle iniziative della Fondazione Ponchiroli; l’organizzazione di esposizioni temporanee nel Museo della Città (la mostra fotografica Arte in guerra della primavera e la mostra documentaria Maggio 1915 i Viadanesi risposero, che ha sancito l’inizio delle visite guidate presso il Museo da parte delle scuole superiori); la presenza dei volontari del Servizio Civile Nazionale che hanno collaborato alla realizzazione di alcuni progetti e aperture straordinarie.

Fondamentale è inoltre la presenza delle scuole, in particolarmente quelle locali. Nel 2016 sono state realizzate 76 attività didattiche per un totale di 1554 fruitori; anche in questo caso si possono ricordare diversi fattori: l’inserimento delle attività didattiche nel Piano di Diritto allo Studio e la relativa gratuità (anche dei trasporti) per le numerose scuole del Comune; l’attività di promozione nei confronti del corpo docente (dott.ssa Daniela Benedetti a settembre ha proposto e illustrato i progetti durante i collegi docenti degli istituti scolastici viadanesi); un’ampia offerta didattica per le Scuole dell’Infanzia, Scuole Primarie e Scuole Secondarie Inferiori, cui vengono proposti con la collaborazione della società Kleio percorsi tematici differenziati e attività laboratoriali; ai bambini che hanno frequentato il Centro Estivo Comunale è stata data la possibilità di partecipare al Progetto A piedi nudi in museo, realizzato sempre con la collaborazione della Kleio; in occasione delle mostre è stata data alle scuola la possibilità di usufruire gratuitamente di visite guidate.

“Si sta procedendo – ha spiegato Zucchini – con l’acquisizione delle postazioni multimediali ottenute a seguito di finanziamento tramite bando da parte di Regione Lombardia. Tali postazioni, oltre ad essere al passo con i tempi e oltre a condurre il Museo verso un’impostazione più dinamica, permettono anche una maggior fruibilità da parte dei visitatori, dei docenti e delle classi che si recano in visita al Museo. Inoltre le nuove tecnologie permettono di perseguire uno dei valori fondanti della scuola di oggi, ossia quello dell’inclusione scolastica, tematica molto cara anche a Regione Lombardia, la quale promuove progetti e iniziative ad hoc”.

Di seguito i dati registrati nel 2016:

dati-museo-parazzi

redazione@oglioponews.it 

© Riproduzione riservata
Commenti