Cultura
Commenta

Sgarbi il 26 marzo sarà a Viadana per la mostra del compianto Alberto Rizzi

Dopo questo evento il critico nella stessa giornata si porterà nel Teatro Sociale di Villastrada dove presenterà il suo ultimo libro intitolato "Dall'Ombra alla Luce". Questo evento, i cui posti sono già stati prenotati ed esauriti, è sponsorizzato dal Lions Club Viadana Oglio Po con i proventi già destinati all'acquisto di un'Ambulanza pediatrica.

Nella foto Sgabi durante una recente visita nel territorio

VIADANA – Il personaggio, perché di questo si deve parlare data la notorietà e il modo di porsi nei confronti della collettività, non è certo inedito per la sua presenza sul territorio. Ma l’arrivo di Vittorio Sgarbi è sempre un evento in grado di suscitare curiosità e attesa, anche se l’annuncio viene dato con un mese di anticipo. In questo caso poi a sorprendere è l’attaccamento che il noto critico riserva ad un pittore dosolese-viadanese considerando il tempo che ha deciso di concedergli.

E che lascia supporre quanto Alberto Rizzi sia entrato fortemente nel cuore di Vittorio Sgarbi se il noto critico d’arte ha deciso di dedicargli un’intera giornata. E considerando gli impegni e gli appuntamenti che rendono fittissima la sua agenda, non deve essere una concessione da poco. Rizzi è un pittore di Correggioverde, scomparso purtroppo una quindicina d’anni fa alla giovane età di 49 anni a causa di un incidente stradale.

La sorella Regina, insieme alla vedova del pittore, ha raccolto una serie di bellissimi quadri del congiunto che domenica 26 marzo verranno esposti presso il Museo Muvi di Viadana. Alle 17,30 è prevista l’inaugurazione dell’allestimento curato da Paolo Conti che verrà appunto presentato da Vittorio Sgarbi con una conseguente illustrazione critica e relativa spiegazione derivante dall’osservazione delle tele. Si tratterà di una quindicina di opere divise in due filoni, ovvero le “Memoriae” e “Piazza Duomo” per ricordare gli squarci più suggestivi del capoluogo meneghino ove il pittore mantovano soggiornò a lungo.

Sgarbi aveva avuto modo di conoscere il talento di Alberto Rizzi quando, tempo fa, approfittando della sua presenza a Villastrada, venne catturato dall’amica viadanese Linda Buzzi e dal sindaco di Dosolo Madeo  che riuscirono a portarlo a casa della famiglia Rizzi, nel cui portico ancora sono visibili i disegni eseguiti da bambino dal pittore che già allora mostrava una inclinazione e una predisposizione per l’arte pittorica notevolissime. Per questo sicuramente Vittorio Sgarbi ha accettato di fare da “Cicerone” e “Anfitrione” alla inaugurazione della mostra al Muvi.

Dopo questo evento il critico nella stessa giornata si porterà nel Teatro  Sociale di Villastrada dove presenterà il suo ultimo libro intitolato “Dall’Ombra alla Luce”. Questo evento, i cui posti sono già stati prenotati ed esauriti, è sponsorizzato dal Lions Club Viadana Oglio Po con i proventi già destinati all’acquisto di un’Ambulanza pediatrica. Fremono quindi i fans di Sgarbi nell’attesa di poterlo sentire e vedere da vicino magari strappandogli un autografo o un selfie, attenti tuttavia a fargli domande non troppo spregiudicate, onde evitare di essere ripresi e sentirsi dare della “capra” come suggerisce il suo conosciuto linguaggio reattivo.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti