Commenta

Lo sport entra nella scuola:
il Sanfelice si regala una
mattina con i club della zona

I ragazzi, divisi in gruppi e in generale in classi, per un totale di circa 350 studenti, hanno dialogato con ciascuna associazione sportiva per un quarto d’ora, per cambiare poi al suono della campanella e creare così una sorta di staffetta a 360°.

VIADANA – Non è nuovo a queste iniziative, l’istituto di ragioneria e liceo scientifico Sanfelice di Viadana. Ma venerdì mattina, l’assemblea d’istituto dedicata allo sport grazie all’iniziativa del professore casalese Stefano Ventura è stata organizzata seguendo una struttura differente dal solito: negli spazi della scuola, in alcune classi del piano terra e soprattutto nella palestra del plesso, tredici società sportive di Viadana e più in generale del comprensorio Oglio Po hanno organizzato dimostrazioni e incontri con gli studenti, per formare anche dal punto di vista della pratica e, prima ancora, della scelta della disciplina sportiva i ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa. Alcuni di loro sono già sportivi instradati e, non a caso, hanno pure preso parte a stand o alle stesse dimostrazioni studiate ad hoc durante la mattinata dall’una o dall’altra società, compatibilmente con i tempi abbastanza rapidi e contingentati dell’assemblea studentesca.

I ragazzi, infatti, divisi in gruppi e in generale in classi, per un totale di circa 350 studenti, hanno dialogato con ciascuna associazione sportiva per un quarto d’ora, per cambiare poi al suono della campanella e creare così una sorta di staffetta a 360°. Gli studenti del Sanfelice hanno così potuto conoscere sport già noti al grande pubblico, come il calcio, che a Viadana ha un ampio settore giovanile, il rugby, che in questo comune è di casa da anni, il basket e la pallavolo. Quest’ultima disciplina, peraltro, proprio a Viadana si stringe in modo indissolubile con Casalmaggiore, dato che la Vbc Pomì ha sviluppato il proprio settore giovanile, mediante una collaborazione assodata, proprio dall’altro capo del comprensorio Oglio Po.

Da rimarcare anche la presenza di Ginnastica Artistica Longoni, Asd Correre e Camminare, Motoclub e Motocross locali, senza scordare le arti marziali e il pugilato, decisamente spettacolari nelle dimostrazioni offerte. Menzione d’onore per i Macron Warriors Viadana di Fabio Merlino, squadra di hockey in carrozzina al primo anno in A1, che al messaggio sportivo allega pure quello sociale, e per la Canottieri Eridanea, glorioso e vincente club di Casalmaggiore: l’allenatore Gianluca Farina ha mostrato le immagini del suo successo olimpico a Seoul 1988 e, mediante una imbarcazione posizionata in palestra, ha illustrati agli studenti i primi rudimenti di questo sport che, sul fiume Po, ha portato oro, argento e bronzo a Casalmaggiore.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti