Sport
Commenta

Rugby Casalmaggiore, la dote scuola per lo sport si chiude con un premio ai ragazzi

Il grande grazie del Casalmaggiore RFC è andato agli sponsor (Azotal, Davighi, Briantina e Oerre) e ovviamente ai Lions. Un ringraziamento condiviso anche da Cinzia Dall’Asta, dirigente dell’Istituto Comprensivo.

CASALMAGGIORE – Dopo il periodo, per così dire, di prova, ecco la premiazione. In attesa di ripetere l’esperienza già dai prossimi mesi. Venerdì 3 marzo alle ore 15, presso le scuole elementari Marconi, il Casalmaggiore RFC, insieme ai Lions Club e i propri sponsor, ha chiuso, anche se solo temporaneamente, l’esperienza del progetto “dote scuola”, che ha permesso a tanti ragazzi della scuola Marconi di approcciarsi con lo sport della palla ovale.

“Un progetto partito per fare giocare i ragazzi – ha spiegato Antonello Livrieri, uno dei coach che ha seguito il progetto – e ora vogliamo lasciare a chi ci ha seguito un piccolo premio, ossia la nostra divisa ufficiale completa da gara, che potrete utilizzare per giocare con i vostri amici o anche per futuri allenamenti, se deciderete di fare ancora parte della nostra squadra”. Il grande grazie del Casalmaggiore RFC è andato agli sponsor (Azotal, Davighi, Briantina e Oerre) e ovviamente ai Lions. Un ringraziamento condiviso anche da Cinzia Dall’Asta, dirigente dell’Istituto Comprensivo. “Questo non è un momento di chiusura di una esperienza – ha detto – ma un importante riconoscimento dell’impegno dei bambini con un premio tangibile. In questo modo i ragazzi hanno la consapevolezza di essere protagonisti. La nostra scuola è debitrice in tutti i sensi, per l’aiuto, anche economico, che è giunto ai nostri studenti (ai quali è stata pagata di fatto l’iscrizione all’esperienza sportiva, ndr), perché lo sport aiuta a vincere la pigrizia e a rinforzare il carattere e perché è stato un momento piacevole per tutti i ragazzi che hanno partecipato”.

Fabrizio Vappina, dirigente del Casalmaggiore RFC, ha invitato gli studenti al campo da gioco degli Amici del Po domenica alle 14.30 per la sfida contro Bergamo e ha ringraziato sponsor e Lions. “Queste persone hanno messo i soldi – ha spiegato Vappina ai ragazzi in modo molto concreto – per comprare le maglie, per il campo, dunque per farvi giocare. Voglio sottolineare che i Lions hanno come simbolo due leoni e il mio invito a voi è di essere leoni nello sport ma soprattutto nella vita. L’idea di una “dote scuola” che si affacciasse sullo sport era legata alla possibilità di aumentare le vostre capacità, di farci prendere coscienza delle grandi potenzialità che avete e potrete sviluppare non solo in campo sportivo”.

Daniela Brambilla del Lions Club, in qualità di presidente, ha ringraziato la sorella Nuccia, maestra alla Marconi, che per prima ha sposato questa idea, spingendo per il coinvolgimento dei Lions. “Volevamo fare, come Club, qualcosa per Casalmaggiore e dunque è stato molto positivo – ha spiegato Daniela Brambilla – farlo per una società sportiva del territorio. Come giustamente Vappina ha sottolineato, abbiamo due leoni come simbolo del nostro Club: uno guarda a destra e uno a sinistra, ossia guardano a passato e futuro. Significa non abbandonare le tradizioni ma essere dalla parte del progresso e dei giovani. Siamo felici di avere contribuito, perché abbiamo visto felicità nei vostri occhi, ragazzi, e in quello che facevate sul campo”.

Tra gli allenatori erano presenti anche Andrea Soldi e Paolo Giovanetti (Matteo Giovanetti era assente per problemi di lavoro). “Speriamo di avervi insegnato e trasmesso l’importanza – ha detto Soldi – dello sport e soprattutto di un’attività all’insegna della correttezza. La prima regola, sia dentro che fuori dal campo, è essere corretti verso voi stessi, verso i compagni e verso gli avversari. A voi il compito di proseguire su questa strada per crescere in modo sano”. “E magari speriamo di avervi con noi anche con la nuova stagione sportiva” ha chiosato Livreri, che ha poi “chiamato” l’applauso per gli allenatori, competenti sia a livello sportivo che come educatori.

G.G. 

© Riproduzione riservata
Commenti