Commenta

Gronda, verso conclusione
il secondo lotto a Viadana:
sopralluogo del Comune

“Purtroppo la realizzazione in lotti dovuta a una questione di risorse e burocrazia - ha aggiunto il sindaco viadanese - ci lascia per ora un’opera non completa con tutte le possibili criticità alla viabilità secondaria. Siamo impegnati a portare all’attenzione della Regione la necessità di inserire tra le opere strategiche il tratto finale".

VIADANA – Nel corso della mattinata di oggi, 30 marzo, sul cantiere della Gronda Nord, in territorio di Viadana e Casalmaggiore, si è tenuta una riunione di coordinamento tra il Settore Lavori Pubblici della Provincia di Mantova che dirige i lavori (il dottor Urbani come dirigente e l’ingegner Covino come responsabile dei lavori) e l’Amministrazione Comunale di Viadana, con il sindaco Giovanni Cavatorta, l’assessore Rossi, il consigliere Bellini con la Comandante della Polizia Locale Rossi e l’Ufficio Tecnico, per fare il punto della situazione sull’andamento dei lavori di questa importante infrastruttura.

Era presente anche il Legale Rappresentante della ditta appaltatrice, Capiluppi Enzo Srl di Curtatone, la quale ha terminato la stesura del materiale granulare su tutta l’asta principale e sta procedendo alla stesura del misto cemento al fine di formare il piano di posa dei conglomerati bituminosi, entro la fine della presente settimana. Da segnalare che sono pressoché ultimati anche i rivestimenti spondali delle scarpate dei fossi di guardia dell’asta principale, realizzati con pietrame di cava e relativa stuccatura con materiale argilloso di riporto. Inoltre, è ormai concluso il ricoprimento dei ritrovamenti archeologici in località Casalbellotto e Quattrocase, frazioni del comune di Casalmaggiore, come disposto dalla competente Soprintendenza Archeologica.

gronda-nord-viadanaOK_ev

Si è dato avvio, inoltre, alla realizzazione dei tre impianti di pubblica illuminazione a servizio delle rotatorie presso l’intersezione con la via Prati, in Comune di Casalmaggiore, presso l’intersezione con via Pilastro, in Comune di Viadana e presso l’intersezione in area Fenilrosso, in Comune di Viadana. Allo stesso tempo, è iniziato il posizionamento dei plinti di sostegno della segnaletica verticale (per i segnali di pre-avviso). Sono ormai terminati anche i lavori residui per i manufatti minori di alcuni accessi carrai di proprietà agricole interferite lungo il tracciato stradale di progetto (tutti gli altri manufatti in calcestruzzo sono già terminati da tempo).

La stesura dei conglomerati bituminosi e la posa delle barriere di sicurezza è prevista nei mesi di aprile e maggio. La segnaletica orizzontale nel mese di giugno per un completamento in linea con le annunciate previsioni. Soddisfazione per il Comune di Viadana: il sindaco Cavatorta ha infatti dichiarato che “il secondo lotto della Gronda dopo anni finalmente si avvia alla fase conclusiva. Ringraziamo la Provincia, mentre rimane l’attenzione sulla viabilità di collegamento perché inevitabilmente il traffico andrà a caricare la zona industriale Fenilrosso non adatta allo scorrimento di traffico così intenso e pesante e all’innesto su via Kennedy. Stiamo valutando soluzioni per almeno alleviare la situazione. Certo, lo sbocco naturale e logico della Gronda era ed è la zona industriale Gerbolina, ciò significa il compimento del famoso terzo lotto”.

“Purtroppo la realizzazione in lotti dovuta a una questione di risorse e burocrazia – ha aggiunto il sindaco viadanese – ci lascia per ora un’opera non completa con tutte le possibili criticità alla viabilità secondaria. Siamo comunque impegnati a portare all’attenzione di Regione Lombardia la necessità di inserire tra le opere strategiche del territorio provinciale questo tratto finale. Le risorse necessarie sono cospicue, diversi milioni di euro, certo servirebbe inevitabilmente la compartecipazione della Provincia. Fa molto piacere che recentemente l’assessore Fava l’abbia citata tra le opere che la Regione vede come strategiche segno dell’attenzione per questo manufatto e ringraziamo per la sensibilità. Continueremo, per quanto possiamo fare, su questo percorso”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti