Commenta

"Fiorita di Stelle"
protagonisti a Sabbioneta
con due incontri culturali

"Primo Vere" il nome del duplice evento: due incontri apparentemente lontani, il primo (domenica 2 aprile alle ore 17 presso la Sala Rosa di Palazzo Forti a Sabbioneta) dedicato alla poesia medievale dei Trovatori Europei, poeti in lingue neolatine, dunque in una dimensione europea.

SABBIONETA – “Primo Vere” non è una citazione dannunziana (il titolo della prima raccolta poetica del Vate, scritta in Prima Classico), bensì una formula augurale, allusiva di una creatività giovanile, di una “calda primavera” letteraria. Così si intitola la serie di due eventi organizzati a Sabbioneta.

Due incontri apparentemente lontani, il primo (domenica 2 aprile alle ore 17 presso la Sala Rosa di Palazzo Forti a Sabbioneta) dedicato alla poesia medievale dei Trovatori Europei, poeti in lingue neolatine, dunque in una dimensione europea: si intitola “Trobar” dunque “esprimere” la eterna vicenda dell’amore e della guerra. Sebastiano Fortugno, intervistato da Franco Giuseppe Bolsi, racconterà e leggerà con l’entusiasmo e la passione dell’universitario una affascinante silloge dedicata a dame e cavalieri, castelli e amori. L’incontro sarà concluso da una lettura, affidata alla voce di Angelo Glauco Rosa, di un testo di Vito Fumagalli a ricordo del 20esimo della scomparsa del Medievalista dell’Università di Bologna.

Il secondo incontro “Scritture” propone racconti e pensieri sulla pittura e la scultura di Sebastiano Fortugno e Alessia Rovina per il “Viaggio in una stanza” dipinto da Stefano Ciaponi e “Cielo” e “Italo”, testi narrativi di Franco Giuseppe Bolsi affidati alla lettura di Angelo Glauco Rosa, per l’indimenticato artista casalese Giuseppe Raineri e lo scultore Italo Lanfredini. Il tutto mixato in una scintillante società di pensieri, a riprova di una nuova primavera della scrittura. Questo secondo incontro si terrà, sempre con l’associazione culturale “Fiorita di Stelle” di Rivarolo del Re, ancora in Sala Rosa di Palazzo Forti. L’ingresso è libero.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti