Commenta

Il premio Essere Donna a
Segatti e Malinverno, e al
loro impegno contro tumori

Anna Segatti di Milano è a capo della Onlus “Forza e sorriso” la cui finalità è quella di riportare serenità nelle donne in terapia suggerendo loro creme e trattamenti di cosmesi. Chiara Malinverno di Bozzolo invece, dopo gli States, ha colto al balzo l’opportunità di rientrare in Italia inserendosi nel laboratorio di ricerca di Ifom a Milano.

VIADANA – Laboratori di bellezza per donne in terapia oncologica e laboratori scientifici per lo studio delle molecole malate. Creme, make up insieme a microscopi e altri strumenti medici per lottare contro un male imperversante quali sono i tumori. La commissione presieduta dall’assessore Alessia Minotti e dal sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta ha scelto quest’anno, per il conferimento del Premio “Essere donna” giunto alla terza edizione, due personaggi che si distinguono per l’impegno in questo delicato settore, pur su fronti e con modalità differenti.

Anna Segatti di Milano è a capo della Onlus “Forza e sorriso” la cui finalità è quella di riportare serenità nelle donne in terapia suggerendo loro creme e trattamenti di cosmesi per ovviare a difetti e disagi estetici provocati dalla cure in corso. Applicazioni che vengono ormai eseguite in tanti centri ospedalieri italiani con risultati positivi, perché come diceva Umberto Veronesi “il cancro lo puoi estirpare dal corpo ma non è altrettanto semplice toglierlo dal pensiero”. Ed è fondamentale riportare serenità e distensione in una donna restituendole un aspetto dignitoso in questi momenti critici.

Chiara Malinverno di Bozzolo invece, dopo aver studiato negli States, ha colto al balzo l’opportunità di rientrare in Italia inserendosi nel laboratorio di ricerca di Ifom a Milano dove, in sintesi, si studia il percorso delle molecole che dalla massa tumorale si staccano per raggiungere altre parti dell’organismo: le cosiddette metastasi. Ricerca molto importante come si può comprendere per cercare di contenere in maniera più soddisfacente possibile la propagazione del male. Chiara Malinverno, la cui gratitudine va prima di tutto alla famiglia nell’averle dato la possibilità di seguire corsi così impegnativi, a Bozzolo torna appena gli impegni professionali glielo consentono, ritrovando un impulso in più adesso che c’è una nipotina appena nata ad attenderla. Benedetta Boni ha condotto le interviste per far racconatre a ciascuna delle premiate gli aspetti e le curiosità delle rispettive importanti carriere. A consegnare i premi oltre ad Alessia Minotti, il sindaco Giovanni Cavatorta e il consigliere comunale Luca Gardani. Era presente anche, in qualità di amica e concittadina di Maliverno, Sara Malagola.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti