Commenta

Progetto la Rete, cresce la
povertà: quattro domande
di assistenza al mese

Nel carrello sociale sono attualmente 32 le famiglie che usufruiscono dell’aiuto con pacchi alimentari che includono generi di base, come pasta, passata di pomodoro, olio di oliva, latte, biscotti, legumi, tonno

CASALMAGGIORE – Sono stati resi noti dal Comune i dati relativi al progetto La Rete gestito in collaborazione con Amurt Italia che aiuta le fasce più deboli della popolazione residente a Casalmaggiore. Requisito fondamentale per accedere a questi servizi è avere una dichiarazione Isee che non superi i 5.000 euro. Nel carrello sociale sono attualmente 32 le famiglie che usufruiscono dell’aiuto con pacchi alimentari che includono generi di base, come pasta, passata di pomodoro, olio di oliva, latte, biscotti, legumi, tonno ecc. Beneficiano del servizio  45 minori, 43 adulti, 7 disabili e 4 anziani in totale un centinaio di persone, i volontari di Amurt curano la distribuzione settimanale e una volta al mese vengono consegnati dei voucher  spendibili presso il supermercato U2 che vanno ad integrare il fabbisogno  alimentare.

Nel diritto alla salute sono stati distribuiti 18 contributi sanitari che riguardano interventi dentistici, forniture di occhiali da vista per bambini, prestazioni specialistiche e acquisto di medicine di fascia C, questa attività viene svolta con la preziosa collaborazione dei medici di base che segnalano i casi più gravi nei quali intervenire  ed è coordinata dalle assistenti sociali.

Nel 2016 le uscite relative al carrello alimentare ammontano ad €.5.900, si è riusciti a contenere le spese anche grazie alle collette alimentari organizzate da Croce Rossa, Fondazione Marcegaglia, dipendenti Marcegaglia ed Alimentis. Sono stati distribuiti buoni spesa per €.9.600, mentre le spese relative al diritto alla salute sono di €.4.500.

Nel diritto allo studio sono state finanziate 26 domande su 32 pervenute di studenti delle Scuole superiori ed Università in totale €.8.413 elargiti per coprire spese di trasporto, acquisto libri e tasse scolastiche. Il progetto proseguirà per l’anno in corso attualmente sono 4/5 al mese le domande che pervengono ai servizi sociali del Comune di Casalmaggiore.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti