Commenta

Agoiolo, "la via dei trenini
non esiste più": l'accusa
lanciata da Angelo Angiolini

Sulla propria pagina Facebook Angiolini, che conosce molto bene quelle zone naturali perché le vive quotidianamente, anche solo per portare a passeggio il proprio cane, spiega dal social network, allegando alcune fotografie. "La bellezza dei percorsi e del paesaggio golenale ha perso di valore".

AGOIOLO (CASALMAGGIORE) – “Da oggi microfauna e avifauna hanno un rifugio in meno. Per trovare un po’ di ombra dovremmo spostarci un po’ più in là”. Parte da qui la denuncia di Angelo Angiolini, ex consigliere comunale di Casalmaggiore e medico del lavoro, da sempre legato alla questione ambientalista.

Sulla propria pagina Facebook Angiolini, che conosce molto bene quelle zone naturali perché le vive quotidianamente, anche solo per portare a passeggio il proprio cane, spiega dal social network, allegando alcune fotografie. “La bellezza dei percorsi e del paesaggio golenale ha perso di valore. Quella che storicamente è la via dei trenini che fino agli anni ’50 portavano argilla e legna di qua dall’argine è una arido e brutto sentiero del tutto privo di vegetazione spontanea. Taglio a raso. Come per la fine dell’isola di Pasqua, visto che domani è Pasqua, non è rimasto che un albero ma dobbiamo tenere anche per quello”.

“È anche vero – aggiunge Angiolini – che spesso la via è ricettacolo di rifiuti abbandonati e che pulizia e manutenzione erano necessari. Ma questo non mi sembra un intervento di manutenzione e pulizia, a meno che nelle prossime settimane non si rimedi. Già nelle settimane scorse alcuni pioppi cinquantenari erano stati tagliati anche se con malattie del tutto modeste, sia su questa via sia in area golenale. Ne ho contati almeno cinque. Allora mi chiedo e chiedo due cose: qual è il potere di regolamentazione e di controllo dell’autorità comunale e quali sono le linee di indirizzo, semmai ci sono, dell’assessore con delega alla golena (Orlando Ferroni, ndr). Di questo chiedo pubbliche dichiarazioni oltre che sollecitare un accordo con i privati per il ripristino e la decenza del luogo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti