Sport
Commenta

Oglio Po d'Europa anche nel volley maschile: Goi con Ravenna va in Challenge

Ravenna ha eliminato Calzedonia Verona (che aveva chiuso al quinto posto) in semifinale, per poi compiere una vera impresa contro Piacenza (sesta in campionato), superata in finale per 3-2. Così per Riccardo e compagni si sono spalancate le porte della qualificazione in Challenge Cup.

Nella foto Riccardo Goi con la maglia di Ravenna

CASALMAGGIORE/VIADANA – Il comprensorio Oglio Po in Europa grazie al volley? Sì, e non c’è soltanto la Pomì. Un grande successo arriva infatti anche dalla pallavolo maschile grazie ad un altro ragazzo partito da Casalmaggiore e Viadana e da tempo nel giro dello sport che conta: il classe 1992 Riccardo Goi, libero della Robur Costa Bunge Ravenna, squadra con la quale ha esordito in serie A1 nel 2013-2014, ha conquistato assieme ai compagni un pass europeo di livello.

Nel maschile si gioca, al termine della regular season e in contemporanea con i playoff che assegnano lo Scudetto, altri playoff dalla quinta all’ultima (14esima) in classifica di Superlega, che qualificano la vincente alla Challenge Cup. Va detto che la Challenge è la terza competizione continentale per importanza dopo Champions League e Cev Cup, tuttavia per Ravenna questa opportunità rappresenta una bella vetrina: Ravenna ha eliminato prima la Tonno Callipo di Vibo Valentia (ottava) nei quarti di finale (vincendo tutte e tre le gare per 3-1), e così, pur da nona in classifica, si è qualificata alla finale a quattro.

Qui ha eliminato Calzedonia Verona (che aveva chiuso al quinto posto) in semifinale, per poi compiere una vera impresa contro Piacenza (sesta in campionato), superata in finale per 3-2. Una gara, quest’ultima, assolutamente non banale, anzi entrata già nella storia: è stata infatti l’ultima della carriera leggendaria di Papi e Zlatanov. Una sorta di passaggio di consegne per Riccardo che, a 25 anni, è invece nel fiore degli anni e ora potrà godersi la sua prima ribalta europea. I playoff Challenge sono stati disputati nel palazzetto di Verona.

G.G. 

© Riproduzione riservata
Commenti