Ultim'ora
Commenta

Viadana, Consiglio
Comunale acceso tra
verde, vaccini e bilancio

L’argomento che però ha impegnato più a lungo il Consiglio comunale di venerdi sera è stato quello relativo alle vaccinazioni da eseguire sui bambini dell’asilo. Un problema ancora in discussione al Governo

VIADANA – Il Consiglio comunale di Viadana è iniziato con una mezz’ora di ritardo venerdi sera. Il presidente dell’assemblea Ivan Gualerzi si era accorto infatti che nelle frequenze dei microfoni in aula si erano inserite le note musicali degli Alter Ego il gruppo musicale che stava facendo le prove in piazza in occasione della Festa del Lambrusco.

I lavori poi sono andati avanti per circa quattro ore tra discussioni e polemiche sostenute. Due le questioni principali affrontate: la raccolta del verde ostacolata dal numero verde messo a disposizione degli utenti di Viadana. Non si è trattato di un gioco di parole ma la situazione caotica che si è effettivamente creata per le difficoltà di prenotare il ritiro degli sfalci d’erba davanti alle case dei residenti.

Un disagio che ha provocato la mozione presentata dai rappresentanti della minoranza Nicola Federici e Adriano Saccani. L’assessore Alessandro Cavallari assieme al capo uffiico tecnico Giuseppe Sanfelici, ha ammesso che i problemi derivavano proprio dal cattivo funzionamento del numero telefonico gratuito a cui ci si doveva rivolgere per richiedere il ritiro degli sfalci d’erba davanti casa propria. Oltre ad una seconda linea tra breve in funzione, è stata garantita la distribuzione di un bidone apposito per eliminare gli antiestetici secchi, i vari obsoleti contenitori attualmente utilizzati. Un’estenuante discussione alla fine della quale per le minoranze sarebbe stato meglio tornare al sistema di raccolta precedente.

L’argomento che però ha impegnato più a lungo il Consiglio comunale di venerdi sera è stato quello relativo alle vaccinazioni da eseguire sui bambini dell’asilo. Un problema ancora in discussione al Governo ma che Nicola Federici capogruppo del Pd, avrebbe voluto applicare presso l’asilo nido di Viadana in contemporanea con tutti i paesi del territorio per evitare rischi di diffusione e  contagio. Alla fine lo stesso Federici ha accettato di ritirare l’argomento presentandolo in un successivo momento dopo una valutazione da parte dei capigruppo.

La consiliera del Movimento 5 Stelle Susanna Foti ha letto un lungo intervento diffidando perentoriamente chiunque avesse avuto l’intenzione di affermare che il suo Movimento agiva contro la somministrazione dei vaccini, distinguendo tra obbligatorietà e raccomandazioni. Il consiliere pentastellato Teveri ha quindi chiesto di vincolare gli ingressi dei bambini all’asilo da parte del Sindaco solo in caso di evidente rischio epidemico. Lungo l’elenco di investimenti illustrati da Cavatorta con gli attacchi puntuali di Silvio Perteghella nel ribadire che con un milione di avanzo (e sei milioni in banca) il Comune avrebbe potuto fare molte opere utili alla collettività come ad esempio la rotonda tra via Kennedy e viale delle Rose.

Ma il primo cittadino ha ricordato i limiti imposti dal nuovo sistema del patto di stabilità e gli accantonamenti necessari per spese legali inerenti le moltre cause in essere. All’inizio il sindaco ha ringraziato pubblicamente il cittadino di Bellaguarda Norberto Gnaccarini per il sostanzioso contributo offerto per la sistemazione del verde nella frazione viadanese.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti