Commenta

Da 271 licenziamenti a 200
assunzioni: schiarita alla
Composad-Facchini, accordo

“E’ un accordo decisamente migliorativo rispetto all’accordo prefettizio - sottolinea Dadda - . Quest’ultimo infatti garantiva 271 lavoratori ma solo fino al marzo 2018, qui parliamo di tempo indeterminato per 200 lavoratori”.

MANTOVA – Arriva da Mantova, più precisamente dalla sede di Lega Coop Lombardia di viale Parma 18, una notizia finalmente positiva sulla situazione intricatissima e per molte famiglie drammatica relativa a Composad-Facchini. Una conferenza stampa convocata alle 14 di giovedì ha visto la presenza di tutte le parti in causa e ha soprattutto confermato i contenuti di un contratto, già sottoscritto con Cgil, relativo alla procedura che dai 271 licenziamenti previsti passerà al riassorbimento di 200 unità su 271.

Erano presenti Daniele Soffiati, segretario della Camera del Lavoro, Marzio Uberti della Cgil, Paolo Rinoldi presidente della Cooperativa L3 che si occuperà delle nuove assunzioni, Lorenzi Borgi direttore della logistica di Clo, capogruppo dell’ATI titolare del contratto con Composad, il presidente della Provincia di Mantova Beniamino Morselli e il sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta. Oltre ovviamente ad Attilio Dadda di Lega Coop Lombardia, che ha specificato i dettagli dell’accordo: “Delle 200 assunzioni – spiega Dadda – 150 saranno immediate a partire da lunedì a tempo indeterminato full time, 50 invece saranno a tempo determinato per un mese, per scoprire i carichi produttivi, difficili da prevedere in questo momento a causa del blocco di produzione e delle agitazioni degli ultimi tempi, ma che diventeranno indeterminati a partire da luglio”.

Un principio di accordo che stabilizza, come è stato spiegato, una parte interessante dell’attività lavorativa. “E’ un accordo decisamente migliorativo rispetto all’accordo prefettizio – sottolinea Dadda – . Quest’ultimo infatti garantiva 271 lavoratori ma solo fino al marzo 2018, qui parliamo di tempo indeterminato per 200 persone”. Adesso però tocca anche ai lavoratori, spiega Dadda. “C’è tempo dalle 15 di giovedì fino alla mezzanotte di domenica 4 giugno – precisa Dadda – per entrare nella procedura di assunzione: già sappiamo che 80 telefonate di contatto diretto sono partite da lavoratori interessati, ora l’opportunità va colta entro domenica da tutti. Noi stiamo preparando volantini, scritti in italiano, inglese, pakistano e arabo, in modo tale che la diffusione sia garantita. I lavoratori interessati dovranno inviare documenti o via mail, o via fax, o per posta, ma tra sabato e domenica vorremmo anche allestire uno spazio fisico a Viadana”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti