Commenta

Mappa di comunità: a Canneto
l'hanno fatta i ragazzi delle
classi 3^ scuola secondaria

Il progetto infatti è nato dalla collaborazione tra la scuola, l’Ecomuseo Valli Oglio Chiese, il Parco Oglio Sud e il Museo del Giocattolo e si propone come perfetta sintesi della capacità di fare rete di questi preziosi enti per il territorio.

CANNETO SULL’OGLIO _ E’ un progetto che avrebbe fatto felice l’indimenticato professor Fausto Scalvini. E infatti, se la Mappa di Comunità realizzata dalle classi Terze della scuola secondaria dell’IC di Canneto potesse portare una dedica, quasi sicuramente sarebbe per lui.  Il progetto è nato dalla collaborazione tra la scuola, l’Ecomuseo Valli Oglio Chiese, il Parco Oglio Sud e il Museo del Giocattolo e si propone come perfetta sintesi della capacità di fare rete di questi enti così preziosi per il territorio. La mappa di comunità è lo strumento con cui gli abitanti di un luogo possono rappresentare il patrimonio, il paesaggio, i saperi in cui si riconoscono e che desiderano trasmettere. Consiste in un elaborato in cui la comunità si può identificare. Ebbene, quella realizzata dai ragazzi di Canneto, è costituita da una produzione video basata sul concetto di calendario e da una collezione di 12 formelle di terracotta ispirate ai temi che nel video sono associati ai mesi.

La presentazione del lavoro si è tenuta sabato in una sala civica gremita, alla presenza del sindaco Raffaella Zecchina, di Bruno Vezzoni, curatore del centro di documentazione dell’Eco Museo Valli Oglio Chiese, di Nives Ugoletti vicepresidente Aemoc, di Barbara Cassinari, docente di didattica museale del progetto di educazione ambientale promosso dal parco Oglio Sud e dalle insegnanti che hanno coordinato il progetto per la scuola secondaria di Canneto: Loredana Magnani e Rossella Morelli; oltre ai 49 studenti che hanno partecipato alla Mappa di Comunità, ai loro genitori e agli insegnanti di di Canneto. “Tutto è partito con i corsi di aggiornamento per i docenti proposti dal Parco Oglio Sud con l’Ecomuseo – spiega Loredana Magnani – . Uno di questi era relativo proprio alla realizzazione di una mappa di comunità. In quella da noi realizzata sono stati sintetizzati i lavori di ricerca e catalogazione di documenti e foto, riprese in esterna durante uscite guidate nella natura, visite a monumenti ed edifici storici. A questa parte “multimediale” si è affiancata quella con la professoressa Tiziana Moscati per le formelle. Il tutto è stato possibile grazie al supporto di persone competenti come Cesare Dossena, Paola Beretta, Dorothea Burato, Elena Pergamena, Gabriele Zaltieri e Vittorio Peron. Senza dimenticare la compagnie teatrale “El Gamisel” e l’Accademia “Il Rivellino”.

Maria Luisa Rancati

© Riproduzione riservata
Commenti