Cronaca
Commenta

Domenica in musica con la Scuola del Complesso Bandistico Cannetese

Per il saggio finale, gli allievi hanno voluto celebrare gli 800 anni della riedificazione del Borgo, dando vita ieri, domenica 11 giugno, ad un concerto itinerante che ha toccato luoghi e monumenti simbolo della storia e delle tradizioni del paese.

CANNETO SULL’OGLIO – Musica protagonista per le piazze di Canneto domenica 11 giugno grazie agli allievi della scuola di musica del Complesso Bandistico Cannetese. Per celebrare gli 800 anni della riedificazione del Borgo, il consueto saggio finale coordinato dai responsabili della scuola Alessandro Bina e Gaia Zambelli, si è trasformato in un concerto itinerante, che ha fatto tappa nei luoghi simbolo della storia e della tradizione del paese. Dalle 18 ecco allora che i circa 25 allievi della scuola, hanno diffuso le prime note in Piazza Eroi e Martiri con un particolare omaggio al Monumento di Don Tazzoli e alla Chiesa Parrocchiale. Quindi spostamento in piazza Matteotti, scandito dal ritmo dei tamburi degli allievi del corso di percussioni per eseguire alcuni brani davanti al Palazzo del Municipio e, da lì, corteo, sempre con i tamburi in testa, fino a Piazza Gramsci. Dove si è suonato vicino al Museo Civico

ma anche sul balcone di Casa Leandra.

Dopo le esibizioni a piccoli gruppi, ecco il finale “corale”, sempre diretto dal maestro Alfredo Cappellini, direttore del Complesso Bandistico Cannetese, e quindi la consegna degli attestati a tutti gli allievi dei corsi di: chitarra e canto (docente Rita Gelmetti), ottoni (Antonio Labalestra), violino (Luigi Andreoli), flauto traverso (Giovanna Gamba), percussioni (Andrea Norelli) e pianoforte (Alessandro Rizzotto).

A vigilare sugli spostamenti dei musicisti all’interno del paese la Protezione Civile Naviglio coordinata dal suo presidente Claudio Rocca. Dopo gli allievi della scuola, il prossimo appuntamento musicale è con il Complesso Bandistico Cannetese  per il concerto in programma il 22 giugno  sempre in Piazza Gramsci.

Marialuisa Rancati

© Riproduzione riservata
Commenti