Commenta

Giovanni Paglia (SI): "La
vicenda Viadana Facchini
al Ministero del Lavoro"

La piazza di Viadana dove si è svolto l’evento era letteralmente blindata da una parte con i Carabinieri, con l’elmetto indossato in un momento critico della manifestazione, dall’altra una squadra di agenti della Polizia

VIADANA – Cercherò di coinvolgere il Ministero dell’Economia e del Lavoro per questa grave situazione di Viadana”. Questo uno dei passaggi dell’on. Giovanni Paglia che ha partecipato ieri pomeriggio ad un’assemblea organizzata da Sinistra Italiana. La piazza di Viadana dove si è svolto l’evento era letteralmente blindata da una parte con i Carabinieri, con l’elmetto indossato in un momento critico della manifestazione, dall’altra una squadra di agenti della Polizia che ad un certo punto si sono mescolati agli uomini dell’Arma per isolare un dipendente diretto di Composad che aveva interrotto le parole di Stefano Re dei Cobas per gridare che i danni li stavano subendo i lavoratori diretti dell’azienda.

Uno alla volta il sindaco Giovanni Cavatorta, il presidente della Provincia Beniamino Morselli e Fausto Banzi di sinistra italiana hanno ricordato la situazione occupazionale drammatica nella provincia mantovana mentre Soffiati e Uberti di Cgil hanno rimarcato la necessità di accettare la flessibilità e il poco lavoro ma per tutti.

Ancora una volta forti critiche sono state lanciate alla Cooperativa Facchini che “pur avendo svolto un gran lavoro in passato ultimante aveva commesso gravi errori nella valutazione della mano d’opera da assumere”. A moderare l’incontro Silvio Perteghella consigliere comunale a cui va il merito di aver contenuto il nervosismo e il rischio di provocazione tra i numerosissimi lavoratori indiani raccomandando a tutti di contenere le espressioni entro il limite della buona educazione e del rispetto.

E’ intervenuto a nome del Pd il capogruppo locale Nicola Federici sollecitando la ripresa dei contatti e il raggiungimento degli accordi per la salvaguardia del maggior numero di lavoratori di Viadana, che considerato l’indotto toccava sicuramente le 500 unità.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti