Cronaca
Commenta

Quel legame tra Torricella del Pizzo e l'Inghilterra che supera le generazioni. E va in un libro

I coniugi Burnett sono tornati qui per la prima volta insieme nel 2012, e ancora nel 2016 e, appunto, quest’anno: miracolo di Facebook, che ha rimesso in contatto i Burnett con la famiglia Fadani, che li ha ospitati presso l’agriturismo “La Torretta”.

Nella foto un brindisi tra i coniugi Burnett e la famiglia Fadani

TORRICELLA DEL PIZZO – Che c’azzecca un comune con meno di mille abitanti, disperso lungo la golena casalasca del fiume Po, con un libro nato e venduto in Inghilterra e che presto, mediante la piattaforma Amazon, potrebbe trovare un mercato internazionale? Se la premessa vi sembra interessante, aspettate di sentire il resto della storia.

Marc e Sabena Burnett arrivano da Islington, periferia Nord di Londra. E si sono trasferiti a Norfolk da qualche anno, perché amano di più il paesaggio della campagna che proprio a Torricella del Pizzo, il famoso comune da meno di mille abitanti citato in premessa, hanno assaporato nelle loro prime volte in Italia. Marc, oggi illustratore e anche campione sui Chopper, i particolari motori nel caso specifico a tre ruote, nel Casalasco è stato quando aveva otto anni, nel 1968, a Motta Baluffi per la precisione.

Poi i casi della vita lo hanno riportato a casa, a sposare Sabena, che di contro ha sempre mostrato una certa propensione per l’arte: come detto, pittore e illustratore lui, originario di Liverpool, il cui padre fu insegnante di John Lennon e la cui madre frequentò lo stesso college dell’anima dei Beatles; scrittrice e attrice lei, guidata dai geni derivati dal padre, premio Bafta, gli Oscar tv, per la scenografia in “The Arrivals of Sherlock Holmes” con Michael Caine. Insomma, due personaggi molto particolari e originali, che non hanno mai smesso di occuparsi anche di ragazzi meno fortunati, tanto che il libro di Sabena, la sua prima autobiografia, cui seguirà presto un romanzo giallo, destinerà parte del ricavato in beneficenza.

Ed è in questa autobiografia, illustrata in copertina dal marito, che Sabena racconta, al capitolo 12 intitolato “Italian Holiday”, la propria permanenza nel Casalasco. I coniugi Burnett sono tornati qui per la prima volta insieme nel 2012, e ancora nel 2016 e, appunto, quest’anno: miracolo di Facebook, che ha rimesso in contatto i Burnett con la famiglia Fadani, che li ha ospitati presso l’agriturismo “La Torretta”. Anche per il lavoro di Maria Grazia, traduttrice di Castelvetro Piacentino, che conosceva Pilade Serafini e ha conosciuto Sabena, offrendosi di tradurre in italiano il suo libro.

Già, Pilade Serafini, il professore Casalasco alla Sorbona di Parigi che già a inizio anni ’60 conobbe Philip Burnett, professore di inglese e padre di Marc, divenendo poi col tempo una sorta di padrino per lo stesso Marc nella sua unica vacanza italiana giovanile di quel 1968 e nei vari viaggi in Inghilterra e Francia dello stesso Pilade. Da lì è partito tutto col destino che ha collegato Londra, Islington e Norfolk a Motta Baluffi e Torricella del Pizzo: una storia da autobiografia. Pardon, da romanzo.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti