Commenta

Ponteterra, si ripete la magia:
la Notte delle Stelline torna
per la nona volta di fila

Sabato alle 19.30 i bambini erano tutti presenti con la maglia ufficiale gialla della scuola materna Luigi Braga, che raffigura il sole che ride: gli stessi bambini hanno pure dormito a scuola, dopo tanti giochi, una cena a base di pizza e la possibilità di guardare le stelle, cercando nuove sorprese.

PONTETERRA (SABBIONETA) – Per il nono anno ecco le stelle nella notte magica di San Giovanni tanto amata dai piccoli della Scuola dell’Infanzia Braga di Ponteterra, frazione di Sabbioneta. Una notte tanto magica e misteriosa per la sua rugiada che ha portato ancora un altra volta la Notte delle stelline, ideata nove anni fa. Da una bella idea delle maestre Samanta Bottoli, Claudia Diotti e Lia Pederzani questo evento ormai è diventato una festa attesa dai bambini ogni anno, tramandato poi ai fratelli minori come l’evento dell’anno, come una bella favola.

Sabato alle 19.30 i bambini erano tutti presenti con la maglia ufficiale gialla della scuola materna Luigi Braga, che raffigura il sole che ride: gli stessi bambini hanno pure dormito a scuola, dopo tanti giochi, una cena a base di pizza e la possibilità di guardare le stelle, cercando nuove sorprese. Nella scuola ad esempio si è riacceso il proiettore da soffitto che proietta il cosmo e, magia nella magia, anche le stelle cadenti in movimento. Tutto il cda della scuola, la presidente neomamma Elisa Gardini. Il suo vice Alessandro Maroli, i membri Elena Ferrari, Pietrangelo Gozzi e la rappresentante dei genitori Maela Cauzzi, desiderano congratularsi con le maestre, perché con questi sogni dimostrano ancora una volta di avere la magia nel cuore, riuscendo a stupire e far sognare.

Un grazie va anche alla presidente Donatella Davo e alla vice Daniela Casarola Vicini per la Associazione genitori, che con la squadra “Crescere il bene” hanno ideato il dopo-scuola con la maestra Renata Fontana sono partiti da un anno ma sono già molto organizzate. Hanno noleggiato un minibus con autista e dalle elementari di Vicobellignano, finita la scuola alle 12.30, i bambini vengono portati all’oratorio di Ponteterra per il dopo scuola, pranzo, compiti con la maestra Renata Fontana e, con l’ok di don Samuele Riva di Sabbioneta, l’anno prossimo pure catechismo sarà incluso. I posti ormai sono quasi esauriti, i pre-iscritti per l’anno prossimo sono già 20 dopo un solo anno: c’è ancora qualche banchetto libero e questo dimostra come si possa fare il bene con pochi mezzi ma con tanta ricchezza di spirito.

Alessandro Maroli a tal proposito spiega: “La gioia mostra al nostro piccolo mondo di paese come lo spirito di Ponteterra continui a dare la direzione e  la guida, noi abbiamo un modo di lavorare che viene lasciato a ogni mamma e papà della scuola come una parola bisbigliata all orecchio in segreto: “Tu Puoi”. In amicizia facciamo le cose, le facce cambiano sempre, le cose cambiano sempre ma ogni anno siamo sempre quella tempra di eroici cuori che non vogliono cedere e mollare mai. A Ponteterra guadiamo sempre all’orizzonte. Terza stella a sinistra, verso l’infinto e oltre”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti