Commenta

L'Arte in Torre e per le scuole,
sabato al via a Commessaggio
la mostra su Enzo Nenci

La particolarità di questo evento, oltre al godimento delle opere del grande scultore, consiste nel loro accostamento con le immagini fotografiche, scaturite dalle personali riflessioni immaginative dei giovani studenti del Liceo Artistico, le cui visioni mostrano tagli liberamente prospettici.

COMMESSAGGIO – Il Liceo Artistico “Giulio Romano” di Mantova nell’ambito dell’Alternanza Scuola Lavoro, ha ideato il progetto “L’Arte in Torre”, che coinvolge i propri studenti nell’organizzazione di eventi culturali,  in collaborazione con  enti e istituzioni pubbliche, allo scopo di divulgare la conoscenza dell’Arte Contemporanea. Il progetto ha ottenuto favorevole accoglienza da parte di istituzioni della città di Venezia e dei Comuni del territorio gonzaghesco di Mantova, che ospitano mostre di importanti artisti del Novecento negli spazi di importanti edifici storici, restaurati per la fruizione pubblica.

Le mostre sono promosse allo scopo di far partecipare gli studenti all’allestimento di esposizioni di famosi artisti nel contesto di antiche strutture, facendo dialogare l’arte contemporanea con il clima austero di torri medievali e rinascimentali, inserendo inoltre testimonianze di lettura delle opere da parte dei corsisti. A questo proposito il Comune di Commessaggio (Mantova), in collaborazione con la Associazione culturale “Il Torrazzo” inaugura alle ore 18,30 di sabato 15 luglio, nello storico Torrazzo gonzaghesco, progettato da Vespasiano Gonzaga nel 1583, la mostra “Enzo Nenci scultore 1903-1972 – Elegie affettive”, che raccoglie una ventina di opere bronzee dell’artista emiliano-lombardo, realizzate tra il 1945 e il 1972 e gli studi fotografici realizzati su loro ispirazione da parte di alcuni corsisti, coadiuvati dal docente Prof. Nazareno Truffelli.

Tra le opere esposte sono presenti diversi capolavori già esposti nelle grandi mostre antologiche dedicate allo scultore: al Museo Civico di Palazzo Te a Mantova (1983), al Palazzo dei Diamanti di Ferrara ( 1984), alla Casa del Mantegna a Mantova (1997), alla Gama di Gallarate (2003) e a Palazzo Bellini di Comacchio (2011), presentate dai più importanti storici dell’arte italiani. La particolarità di questo evento, oltre al godimento delle opere del grande scultore, consiste nel loro accostamento con le immagini fotografiche, scaturite dalle personali riflessioni immaginative dei giovani studenti del Liceo Artistico, le cui visioni mostrano tagli liberamente prospettici, dosano luci ed ombre che esaltano l’espressività delle opere stesse. La mostra, resterà aperta di sabato dalle ore 17:00 alle ore 19:30, la domenica e festivi dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:30. Nei restanti giorni sarà possibile visitarla previo contatto telefonico al numero 3664326860 La mostra chiuderà il 15 agosto 2017.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti