Commenta

Chiusini montati male e
WiFi gratuito: due proposte
del Pd alla giunta Cavatorta

L’interrogazione del Pd riguarda i cosiddetti chiusini di via Carobbio e via Garibaldi, dove nel 2016 sono stati rifatti gli asfalti dopo il posizionamento delle nuove tubature dell’acquedotto. Segue poi la mozione sul WiFi gratuito, che parte da uno sguardo al passato.
Nella foto uno dei chiusini a Viadana oggetto di interrogazione

VIADANA – “Visto che il sindaco continua a dire che facciamo solo polemica, solo per cercare di minimizzare un grosso problema che ha in maggioranza e che cerca di continuare a coprire (forse dal passato che lui cita bisognerebbe anche imparare), abbiamo protocollato una mozione per aderire ad una APP per sviluppare la rete wifi nazionale e con un interrogazione abbiamo segnalato una problematica sui chiusini per gli idranti. Vediamo se questa volta quello che proponiamo viene accettato o come sempre viene bocciato da questa maggioranza”. Così il consigliere Nicola Federici presenta i due documenti protocollati in comune dal Partito Democratico.

“Chiedo al sindaco se quando dice che l’opposizione è quella che non aiuta a risolvere i problemi di Viadana, si ricorda che per la questione Ex Viadana Facchini più di una volta lo abbiamo chiamato, ci siamo sentiti con il suo capogruppo di maggioranza e gli abbiamo consigliato di coinvolgere tutta l’opposizione perché su questa vicenda tutte le forze politiche dovevano essere unite. Come Partito Democratico diamo e abbiamo sempre dato la nostra disponibilità a risolvere i problemi peccato che il sindaco non ci ha mai chiesto aiuto e non ci ha mai coinvolto in niente, spetta a lui a governare e noi a dare stimoli perché le cose siano fatte meglio ma fino ad oggi siamo sempre stati noi a fare il primo passo”.

Passando ai due documenti, l’interrogazione del Pd riguarda i cosiddetti chiusini di via Carobbio e via Garibaldi, dove nel 2016 sono stati rifatti gli asfalti dopo il posizionamento delle nuove tubature dell’acquedotto. “Visto che diversi cittadini – si legge nell’interrogazione – ci hanno segnalato che tali chiusini sono stati montati al contrario o sono coperti o incastrati dall’asfalto, e che hanno fatto diverse segnalazioni ma nessuno è ancora intervenuto; visto che nel 2016 durante la festa “Brusa la Vecia” è stata organizzata una dimostrazione per bambini e ragazzi di percorsi, spegnimento fuochi controllati e teoria della prevenzione a cura dei Vigili del fuoco, e che i vigili del fuoco hanno constatato di loro persona le problematiche di questi chiusini; chiediamo al sindaco o all’assessore competente se l’amministrazione era a conoscenza di questa problematica? Come intende intervenire per risolvere questa situazione che in caso di incendio nella zona creerebbe difficoltà ai vigili del fuoco?”.

Segue poi la mozione sul WiFi gratuito, che parte dal passato. “L’amministrazione Pavesi nel marzo 2010 – si legge – aveva posizionato un sistema di WI.FI gratuito in aree pubbliche appositamente individuate. L’amministrazione Penazzi dal 2011 al 2014 ha allargato le aree pubbliche d’interesse e che nel 2013 ha reso la rete con accesso libero senza nessuna autenticazione da parte degli utenti. Visto che l’amministrazione Cavatorta ha deliberato, che dal 1° marzo 2017, per poter accedere alla rete la necessità di autenticarsi tramite il numero della propria utenza telefonica mobile e visto che il Progetto WiFi°Italia°It ha come obiettivo principale quello di permettere a cittadini e turisti, italiani e stranieri, di connettersi gratuitamente e in modo semplice a una rete WiFi libera e diffusa su tutto il territorio nazionale; dato che internet contiene in sé i germi della Democrazia, la sua diffusione ed il suo utilizzo porteranno ad una maggiore trasparenza e circolazione di informazioni, in tutti i campi della vita economica, politica e sociale della nostra era, accelerando il processo di “democratizzazione reale” della nostra società; il consiglio comunale impegna il sindaco e la giunta ad aderire al progetto wifi°Italia°it come da modulo allegato alla presente mozione”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti