Politica
Commenta

Reindustria, le minoranze di Casalmaggiore chiedono nuovi criteri di gestione

"Siano rivisti i criteri operativi e di gestione dell'ufficio bandi sovracomunale in relazione a: valutazione degli obiettivi raggiunti rispetto ai contenuti progettuali del documento di costituzione; effettiva sostenibilità finanziaria dell’Ufficio Bandi; modalità attraverso le quali la definizione delle Aree Prioritarie di intervento".

CASALMAGGIORE – E’ un ordine del giorno congiunto quello presentato dalle due minoranze consiliari di Casalmaggiore la nostra casa e del Listone, a firma dei cinque consiglieri comunali. Il tema è quello legato a Reindustria.

“Facciamo riferimento alla Relazione del Presidente di REI-Reindustria Innovazione, Giuseppe Capellini, all’Assemblea Soci tenutasi a Crema l’11 maggio – si legge nel testo del documento – precisamente all’annuncio delle definizione, nel corso dell’anno 2017, di aree prioritarie di intervento “che permettono di diventare di sviluppo di iniziative di forte impatto anche sovra territoriale” individuate in: marketing territoriale; innovazione e ricerca; start-up innovative. Va ricordato che sempre dalla suddetta relazione si evince che: “La struttura è stata impegnata ed è al servizio della rinnovata sinergia tra tre Comuni, Crema, Cremona e Casalmaggiore, in forte collaborazione con Camera di Commercio di Cremona” che vedono in REI il soggetto gestore di un nuovo piano strategico territoriale da costruire insieme a tutte le associazioni di categoria e a tutti i vari rappresentanti del mondo economico”.

Da qui la richiesta al consiglio. “Riallacciando la mission definita di cui sopra ai contenuti del  Progetto di Valorizzazione e sviluppo delle filiere economiche del casalasco e costituzione dell’Ufficio Bandi sovracomunale casalasco, chiediamo al Consiglio di votare un atto di indirizzo al Sindaco perché siano rivisti i criteri operativi e di gestione dell’ufficio bandi sovracomunale in relazione a: valutazione degli obiettivi raggiunti rispetto ai contenuti progettuali del documento di costituzione; effettiva sostenibilità finanziaria dell’Ufficio Bandi sovracomunale casalasco; modalità attraverso le quali la definizione delle Aree Prioritarie di intervento individuate da REI possono impattare positivamente sul territorio casalasco”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti