Commenta

Piccoli accorgimenti per
viabilità migliore. E al Lido
spunta parcheggio per motocicli

Un altro provvedimento significativo per quanto concerne la viabilità cittadina si colloca invece all’incrocio tra via Guerrazzi e l’appendice di via Marcheselli, che in quel punto diventa strada senza uscita: qui, senza utilizzare particolari dissuasori, è stato invece istituito un nuovo divieto di sosta h 24 su un tratto specifico.
Nella foto il nuovo parcheggio per motocicli al Lido Po

CASALMAGGIORE – Nell’estate dei grandi lavori pubblici, dagli asfalti dell’Asolana, alla rotonda ex Cogeme, alla sistemazione di altre strade minori a Casalmaggiore, rischiano di passare inosservate alcune ordinanze pubblicate all’albo pretorio, che hanno però il merito di riordinare alcune situazioni ritenute dai cittadini in qualche caso persino essenziali.

Avete presente, ad esempio, quelle auto parcheggiate proprio a pochi metri da un incrocio o da uno svincolo e che, posizionate in quel determinato punto, riducono notevolmente la visibilità, rendendo così difficile la manovra di chi si immette sulla strada principale. Ecco, piccoli accorgimenti sono giunti dal comandante della Polizia Locale di Casalmaggiore Silvio Biffi, che con diverse ordinanze pubblicate all’albo pretorio del comune, ad esempio, ha previsto la sistemazione dei cosiddetti dissuasori di sosta a forma di archetto alti all’incirca un metro. Un provvedimento preso sia all’intersezione tra via San Leonardo e via Porzio, sull’incrocio semaforico, sia in via Repubblica, all’altezza del civico 151.

Un altro provvedimento significativo per quanto concerne la viabilità cittadina si colloca invece all’incrocio tra via Guerrazzi e l’appendice di via Marcheselli, che in quel punto diventa strada senza uscita: qui, senza utilizzare particolari dissuasori, è stato invece istituito un nuovo divieto di sosta h 24 sul lato destro del tratto da via Guerrazzi a via Marcheselli, appunto, perché prima d’ora la carreggiata, su una strada già piccola ma comunque a doppio senso di marcia, creava non pochi problemi alle auto e anche ai pedoni in transito, in assenza di un marciapiede.

Tuttavia l’intervento viabilistico più importante di tutti riguarda il parcheggio del Lido Po. Qui negli ultimi tempi, e in particolare durante la frequentatissima 24 ore di Sport Amurt organizzata soltanto un paio di settimane fa, non pochi sono stati i problemi proprio dovuti alla sosta, in qualche caso davvero selvaggia. Ora, se non altro, è stata disciplinato il parcheggio di due tipi particolari di veicoli: i ciclomotori e i motocicli, per i quali lo scorso lunedì sono stati realizzati venti nuovi stalli dedicati e appositi, e i mezzi a quattro ruote al servizio di persone portatrici di handicap o con capacità motoria limitata. Due, per quest’ultima categoria, i parcheggi a disposizione. Piccoli accorgimenti, anche davanti agli Amici del Po, per migliorare viabilità e, perché no, “convivenza” pure sulla strada…

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti