Commenta

Ponte chiuso: gli operatori
economici di Casalmaggiore
e Sabbioneta si mobilitano

Partita una raccolta firme da inviare ai due comuni, alle due province interessate e a Regione Lombardia per chiedere tra le altre cose anche l'annullamento o in alternativa la massima riduzione delle imposte comunali e regionali.

CASALMAGGIORE/SABBIONETA – Vista la difficile situazione generatasi con la chiusura del Ponte tra Casalmaggiore e Colorno, è partita la raccolta firme da parte degli operatori economici di Casalmaggiore/Sabbioneta e del Consorzio Sablonetae Excelsus per una lettera con diverse richieste da inviare ai Comuni di Casalmaggiore e Sabbioneta, alle amministrazioni provinciali di Cremona e Parma e all’assessore regionale Gianni Fava: “Gravemente colpiti dalla chiusura al traffico del ponte che collega i territori di Casalmaggiore e Sabbioneta con i territori della provincia di Parma – si legge nella nota –  si chiede cortesemente:

il massimo impegno delle istituzioni per la riapertura del ponte in tempi brevi
l’indizione di un pubblico incontro per illustrare la situazione
per i residenti, l’annullamento o in subordine la massima riduzione delle imposte di competenza comunale (Imu, tassa rifiuti, affissioni ecc) e regionali (Irap) in considerazione delle gravissime ripercussioni economiche dovute al drastico calo delle entrate che mettono a repentaglio la stessa sopravvivenza delle imprese”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti