Commenta

Furto sacrilego alla
chiesetta dell'ospedale di
Bozzolo: via calice e patena

Ad accorgersi del furto una suora che, passando davanti alla cappella, si è accorta che le ante dell'armadio dentro cui vengono depositati gli arredi erano stranamente aperte. Controllando con attenzione si è accorta che mani sconosciute si erano allungate verso i ripiani.

BOZZOLO – Esecrabile gesto nella chiesetta dell’Ospedale di Bozzolo. Qualcuno è riuscito ad introdursi nel luogo consacrato rubando un calice d’oro oltre alla patena, il piattino dello stesso materiale che i sacerdoti usano appoggiare sopra il calice stesso a protezione delle ostie consacrate.

Ad accorgersi del furto una suora che, passando davanti alla cappella, si è accorta che le ante dell’armadio dentro cui vengono depositati gli arredi erano stranamente aperte. Controllando con attenzione si è accorta che mani sconosciute si erano allungate verso i ripiani rubando quello che di più prezioso vi era, appunto il calice e il piattino. Mancavano anche delle medagliette della Madonna oltre ad altri oggetti di valore inferiore.

La suora si è precipitata ad avvertire don Elio Culpo, il sacerdote che si occupa della Piccola Betania, il luogo di accoglienza e ritiro spirituale presso la Badia di Bozzolo ed è pure cappellano dell’Ospedale. Il prete ha compiuto un sopraluogo controllando con attenzione, constatando effettivamente la mancanza degli oggetti di valore. Tra l’altro il calice trafugato non era neppure quello usato tutti i giorni per la Messa ma un oggetto molto più importante che si utilizza solo nelle grandi occasioni e durante le funzioni solenni.

Evidentemenete chi ha agito era a conoscenza di questo dettaglio, impossessandosi di un calice massiccio, il cui valore ovviamente prima di quello economico tocca la questione della fede e della religiosità a cui evidentemente il ladro non ha minimamente pensato. Ora si sta indagando per capire se l’armadio fosse rimasto distrattamente aperto o se qualcuno sia riuscito a impossessarsi delle chiavi e compiere l’azione sacrilega. Su questo indagheranno i Carabinieri a cui è stata formalmente presentata la denuncia.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti