Cronaca
Commenta

Canneto: i lavori per la nuova scuola procedono spediti. Fotogallery dal cantiere

Ormai praticamente completata la demolizione dei due padiglioni che affacciavano su via Alighieri. I lavori procedono spediti: dopo lo sgombero delle macerie si procederà alla realizzazione delle fondamenta per la nuova struttura.

CANNETO SULL’OGLIO _ Entrare nel cantiere della scuola primaria è per certi aspetti un colpo al cuore. I due padiglioni più vicini all’ingresso di Via Alighieri, già inutilizzati da più di un anno, sono stati demoliti. Degli edifici ormai vetusti che hanno visto passare in quasi cinquant’anni migliaia di bambini cannetesi, non restano che montagne di detriti e un paio di “crateri”. Ora è già iniziata l’era della nuova scuola fortemente voluta dall’Amministrazione del sindaco Zecchina che ha ricevuto un contributo da 1 milione e 700 mila euro. Il cammino verso il futuro avanza spedito, insieme alle ruspe ai camion e ai macchinari che in una decina di giorni hanno demolito le vecchie strutture che saranno sostituite da un plesso di moderna concezione progettato dallo studio Eutecne di Perugia. I lavori sono effettuati dalla ditta Moro di Fiesse che ha vinto il bando e vengono seguiti costantemente dal Comune. Non si è perso tempo e le condizioni meteo fin qui hanno dato una mano. Ora, da programma, ci sono da sgombrare le macerie e realizzare le fondamenta del nuovo edificio. I bambini delle classi prime e seconde sono andati regolarmente a scuola nel terzo padiglione, affacciato e con ingresso provvisorio su via Marconi, (isolato per ovvi motivi di sicurezza dal cantiere) per due settimane circa hanno svolto le lezioni mattutine nelle loro classi per poi spostarsi per quelle pomeridiane alle medie in via Aporti. Da martedì però torneranno a fare lezione nel loro padiglione per tutta la giornata. Alzando lo sguardo al cielo dal cantiere della scuola, si scorge l’acquedotto. Anche la struttura è interessata da lavori, evidenziati da alti ponteggi. E’ un intervento di manutenzione alla copertura esterna operato dal gestore dell’acquedotto. (MLR)

 

© Riproduzione riservata
Commenti