Ultim'ora
Commenta

Bozzolo, rissa tra migranti
al Migros per l'elemosina:
intervengono i Carabinieri

Dopo l’intervento dei Carabinieri il gruppetto si è allontanato velocemente in sella alle biciclette, con le quali però poco dopo sono ritornati rioccupando gli stessi posti per stendere ancora la mano alla ricerca della moneta che i clienti, un po' spazientiti e un po' per compassione, continuano a elargire.

BOZZOLO – Venerdì mattina la situazione davanti al supermercato Migros di Bozzolo è esplosa e sono dovuti intervenire i carabinieri per interrompere una violenta rissa che stata coinvolgendo il gruppo di stranieri. I contendenti  se le sono date di santa ragione al punto da lasciare tracce di sangue ovunque, sull’asfalto davanti all’ingresso e anche dentro il supermercato, dove uno di loro si era rifugiato nel tentativo di sfuggire alla scarica di pugni e calci che altri due gli stavano infliggendo.

Le cassiere del negozio davanti a tanta violenza non hanno esitato a chiamare i Carabinieri giunti sul posto con una pattuglia per dividere gli esagitati. La rissa ha coinvolto un gruppetto di africani tutti ospiti delle Case dell’Accoglienza sparse sul territorio vicino a Bozzolo. La questione che ha scatenato il violento diverbio pare sia da attribuire alla spartizione del denaro che i migranti riescono a racimolare stando tutta la giornata nei pressi dell’ingresso. Acquattati nelle vicinanze dei carrelli, si offorno per caricare i sacchetti della spesa nei bauli delle auto ricevendo quasi sempre in cambio qualche euro che infilano velocemente in tasca.

Venerdì mattina probabilmente i soliti due o tre che stazionano stabilmente sul posto non hanno gradito la presenza di qualche “collega” che si era avvicinato per contenere gli oboli della gente. A qual punto si è scatenata la vendetta di chi non ammetteva la presenza dell’intruso, provocando dapprima una discussione che poi è degenerata nella furibonda battaglia a suon di pugni e spintoni. Dopo l’intervento dei Carabinieri il gruppetto si è allontanato velocemente in sella alle biciclette, con le quali però poco dopo sono ritornati rioccupando gli stessi posti per stendere ancora la mano alla ricerca della moneta che i clienti, un po’ spazientiti e un po’ per compassione, continuano a elargire.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti