Cronaca
Commenta

Casalmaggiore, frontale sulla nuova rotonda ex Cogeme: tre auto e cinque persone coinvolte

La rotonda, nei minuti dei soccorsi, è stata chiusa al traffico utilizzando i divisori in plastica bianchi e rossi, piazzati in modo da non consentire l'accesso sui due lati della rotonda e da deviare così il traffico. Si tratta del primo incidente dopo la costruzione della rotonda ex Cogeme.

CASALMAGGIORE  –  Tre auto e cinque persone coinvolte nell’incidente che si è verificato verso le 13.30 di giovedì alla rotonda della ex Cogeme sulla Castelnovese. Dai primi accertamenti pare che un Fiat Doblò guidato da un uomo di 72 anni, che viaggiava verso Viadana, abbia imboccato la rotatoria al contrario andando a scontrarsi frontalmente con una Xsara Picasso condotta da una donna di 44 anni con a bordo la propria figlia, che procedeva verso Casalmaggiore. Il Fiat Doblò ha letteralmente imboccato il senso inverso di marcia, entrando a sinistra del cordolo spartitraffico anziché a destra e ha centrato la Picasso che invece stava regolarmente uscendo dalla rotonda per poi proseguire verso Casalmaggiore.

Coinvolta nello scontro anche una Smart: in questo caso la dinamica è poco chiara, perché la Smart si trovava con la parte frontale rivolta in direzione Viadana e soprattutto sull’altra corsia rispetto a dove si è verificato il frontale. Un testimone ha spiegato che la Smart sarebbe stata sbalzata, per la violenza dell’urto, sulla corsia opposta, superando anche lo spartitraffico. La dinamica, però, non trova al momento conferma dalla Polstrada, intervenuta sul posto assieme a una ambulanza della Padana Soccorso e un’auto medica, oltre a un carro attrezzi per la Smart.

La rotonda, nei minuti dei soccorsi, è stata chiusa al traffico utilizzando i divisori in plastica bianchi e rossi, piazzati in modo da non consentire l’accesso sui due lati della rotonda e da deviare così il traffico. Si tratta del primo incidente dopo la costruzione della rotonda ex Cogeme, anche se in questo caso il sinistro è dovuto esclusivamente all’imperizia umana e non alla struttura della rotatoria in sè. Il marito della donna (la quale guidava) a bordo della Smart – entrambi i coniugi hanno 66 anni – avrebbe riportato le conseguenze peggiori: è infatti stato ricoverato in codice rosso all’ospedale Oglio Po di Vicomoscano.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti