Commenta

Torre de'Picenardi: messa per
don Giampaolo a un
anno dalla sua scomparsa

Alla celebrazione si unirà anche la Pastorale giovanile con la Federazione Oratori Cremonesi. Don Giampaolo aveva assunto la guida delle comunità di Torre de’ Picenardi, San Lorenzo de’ Picenardi, Pozzo Baronzio e Ca’ d’Andrea nel 2014. Il 2 dicembre ricorre un anno dalla sua scomparsa.
foto diocesidicremona.it

TORRE DE’ PICENARDI – Ricorre la prossima settimana il primo anniversario della morte di don Giampaolo Rossoni. Torre de’ Picenardi, dove il sacerdote vailatese era parroco, lo ricorderà proprio nel giorno del triste anniversario, il 2 dicembre, nella messa vespertina della 18. Alla celebrazione si unirà anche la Pastorale giovanile con la Federazione Oratori Cremonesi.
Altro appuntamento commemorativo si terrà giovedì 7 dicembre, in Seminario a Cremona, prima del momento di ritiro spirituale del clero diocesano: alle 8.30 i compagni di ordinazione sacerdotale promuovono una concelebrazione eucaristica di suffragio.
Don Giampaolo Rossoni era nato a Vailate il 3 gennaio 1962 ed è stato ordinato sacerdote il 18 giugno 1988. È stato vicario a Viadana Castello (1988-1994) e a Casalmaggiore Santo Stefano (1994-2000). Dal 2000 al 2011 è stato presidente della Federazione Oratori Cremonesi e responsabile dell’ufficio diocesano per la Pastorale giovanile. Dal 2002 al 2011, inoltre, è stato presidente dell’associazione “Noi” di Cremona e, dal 2004 al 2011, delegato regionale per la Pastorale giovanile. Dal 2009 al 2011 è stato anche consulente ecclesiastico diocesano del Centro Sportivo Italiano. Dal 2007 al 2011 è stato, altresì, membro del Consiglio pastorale diocesano. Nel 2011 il vescovo Lafranconi l’ha nominato parroco in solido dell’unità pastorale di S. Agata e S. Ilario in Cremona.
Dopo l’estate del 2014 ha assunto la guida delle comunità di Torre de’ Picenardi, San Lorenzo de’ Picenardi, Pozzo Baronzio e Ca’ d’Andrea. Incarico che ha lasciato a seguito del grave incidente avvenuto il 16 aprile dell’anno scorso a Fossa Guazzona, frazione di Ca’ d’Andrea, mentre viaggiava sulla sua auto. Dopo il ricovero d’urgenza all’Ospedale di Cremona e la prima riabilitazione presso la casa di cura Ancelle della Carità, don Rossoni era stato trasferito in una nuova struttura ospedaliera della Bergamasca, specializzata per la riabilitazione. Prima di lasciare Cremona don Giampaolo aveva avuto modo di concelebrare l’Eucaristia insieme al vescovo Napolioni, che poi aveva incontrato recandosi lui stesso a Palazzo Vescovile. Il decesso è avvenuto venerdì 2 dicembre all’ospedale di Bergamo, dove da alcuni giorni era ricoverato nel reparto di Terapie intensive a seguito dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti