3 Commenti

Regione, sconto del 10%
sul bollo auto: rivoluzione
che parla "casalese"

Ora per aderire all’iniziativa il legale rappresentante dell’ente deve conferire il mandato ad una agenzia di pratiche auto per lo svolgimento delle attività connesse.

CASALMAGGIORE – Una importante novità, e una fonte di risparmio per gli enti amministrativi, è stata segnalata dal sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni: riguarda tutti i comuni di Regione Lombardia e tutto è partito proprio da una segnalazione dello stesso primo cittadino casalese. “Il bollo auto come tassa in Regione prevede uno sconto del 10% se si fa una domiciliazione bancaria – spiega Bongiovanni – ma questa possibilità vale soltanto per persone giuridiche che possiedono più di 50 veicoli. Il 2 ottobre segnalai la cosa agli assessori Gianni Fava e Cristina Cappellini, più vicini al nostro territorio, indicando che forse era il caso di inserire anche i comuni all’interno di questa speciale forma di risparmio, prevista per la modalità cumulativa, dato che i comuni non hanno ovviamente scopo di lucro”.

Dopo avere sentito l’assessore al bilancio Massimo Garavaglia, è arrivata l’estensione di questa possibilità anche agli enti locali. Ora per aderire all’iniziativa il legale rappresentante dell’ente deve conferire il mandato ad una agenzia di pratiche auto per lo svolgimento delle attività connesse alla riscossione della tassa per i veicoli di proprietà dell’ente e successivamente compilare e trasmettere la domanda di adesione al pagamento in forma cumulativa, esclusivamente via Pec, alla casella presidenza@pec.regione.lombardia.it. D’ora in avanti, in questo modo, gli enti locali che aderiscono al pagamento cumulativo della tassa automobilistica per il tramite di un’agenzia di pratiche auto possono beneficiare di una riduzione del 10% sull’importo dovuto per il loro parco veicoli. Una piccola rivoluzione partita anche da Casalmaggiore.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Emilio Dell’Asta

    Ma il 10% di sconto sul bollo fatto l’anno scorso , vale ancora per i privati in maniera continuativa senza fare altre richieste o servono altre procedure per mantenerla in essere?

    • Eugenia Moscardi

      La lettera inviataci dalla Regione non parlava di temporaneità, quindi si suppone sia un mandato concesso in via continuativa. Però una telefonata la farei…

      • Mario Mario

        Con addebito diretto riba e continuativo…