Commenta

Martignana, altra
plastica nell'area
bonificata un anno fa

Nella foto la plastica abbandonata in golena e la tana dell'istrice

MARTIGNANA DI PO – Il punto è lo stesso bonificato appena un anno fa. L’imbecillità di chi si è reso, ancora una volta, protagonista del gesto pure. Se non accresciuta dal fatto che la reiterazione del gesto stupido vale doppio.

A scoprire ancora una volta l’ennesimo scempio perpetrato ai danni della golena – della splendida golena tra Agoiolo e Martignana di Po – a poche centinaia di metri da quel che fu il canale che partiva da Casalmaggiore, Andrea Visioli. Su quelle sterrate è passata e passerà l’Eridano Adventure 2018.

“In pratica – racconta Visioli – tutto da rifare rispetto a quanto raccolto un anno fa. Non capisco davvero chi possa andare lì apposta a buttare delle bottiglie di plastica. Uno deve andarci apposta. Non può essere un pescatore non ci sono postazioni e lanche con pesce. Deve avere proprio delle turbe”.

L’anno scorso era stato il sindaco di Martignana Alessandro Gozzi con qualche volontario ad andare a ripulire. Un’area difficilmente raggiungibile – soprattutto col terreno umido – dai normali mezzi. Nell’ultimo anno abbiamo preferito evitare di scrivere di discariche, segnalandone la presenza esclusivamente agli organi competenti poiché gli idioti trovano facilmente altri idioti ad imitarli.

Ma non sempre si deve e si può tacere dell’imbecillità umana.

Nei pressi sorge la tana degli istrici, un luogo dal punto di vista naturalistico di grande bellezza: l’anno scorso sembrava un esemplare, forse due ma dai segni, come racconta lo stesso Visioli, sembra che gli esemplari si siano riprodotti. Ma è pure zona di volpi e di quadrupedi e volatili più comuni. Una zona ricca di arbusti e difficilmente penetrabile.

Poco importa a chi deturpa la golena. Chi vuole sporcare e rovinare il patrimonio arriva dappertutto: l’intelligenza no, quella resta relegata – ammesso che ve ne sia traccia – in elementi siffatti nel buio del cranio. In un antro senza materia.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti