Ultim'ora
Commenta

Carabinieri, operazioni
a raffica nel viadanese: 14
denunce e controlli a tappeto

“Questi controlli coordinati - spiega il Capitano Schiaffini - sono l’espressione di un accentuato dinamismo operativo che rappresenta l’effetto di una fattiva e dinamica sinergia operativa fra tutti i Reparti dell’Arma che, con sempre maggiore impegno, sarà orientata ad offrire alla società civile sicurezza e rassicurazione".
Nella foto Federici con Schiaffini

VIADANA – Nelle giornate del 14 e del 15 gennaio a Viadana, è stato effettuato un servizio coordinato di controllo del territorio da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Viadana, allo scopo di contrastare i reati predatori in genere, con particolare riferimento alle rapine ed ai furti in abitazione.
In particolare sono stati deferiti in stato di libertà:

– G. P., Italia cl. 1970, residente a Bozzolo, nullafacente, per falsità materiale in quanto circolava con documenti contraffatti;
– U. D., Italia cl. 1997, residente a Drizzona (CR), operaio, per guida in stato di ebbrezza;
– H. S., Bosnia cl.1993, residente a Marcaria, disoccupato, per appropriazione indebita;
– L. G., Italia cl. 1984, Residente a Viadana, per insolvenza fraudolenta;
– S. M., Italia cl. 1972, residente ad Acquanegra ,operaio, per simulazione di reato;
– G. P., Italia cl. 1965, residente a Viadana, impiegato, segnalato per possesso di sostanza stupefacente;
– R. D., Italia cl. 1995, residente a Viadana, studente, segnalato per possesso di sostanza stupefacente;
– D. B., Italia cl. 1994, residente a Viadana, operario, segnalato per possesso di sostanza stupefacente;
– F. C., Italia, cl. 1990, residente a Viadana, impiegato, segnalato per possesso di sostanza stupefacente;
– S. R., Italia cl. 1964, residente a Gazzuolo, operaia, per guida in stato di ebbrezza;
– C. G., Italia cl. 1972, residente a Viadana, operario, per insolvenza fraudolenta;
– O. L., Marocco cl. 1997, residente a Bozzolo, operario, per furto aggravato;
– M. M., Italia cl. 1981, residente a Poviglio (RE), operaio, per guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti;
– B. S. Italia cl. 1999, residente a Canneto sull’Oglio per tentato furto aggravato.

Nel corso del servizio venivano complessivamente controllati 2 locali notturni delle zona, oltre 50 vetture e 93 persone. Sono state, inoltre contravvenzionate tre persone alla guida, perché attraverso l’utilizzo di fari abbaglianti, segnalavano ad altri automobilisti il posto di controllo dei carabinieri in atto. “Segnalare un posto di controllo è un grande segno di minor senso civico – fa sapere il Capitano Comandante della Compagnia Gabriele Schiaffini – questi contravventori, infatti, non si rendono conto che così facendo ad esempio possono permettere al criminale che ha appena svaligiato un appartamento di accorgersi del posto di polizia e poter cosi eludere il controllo cambiando strada”.

“Questi controlli coordinati – continua l’ufficiale – sono l’espressione di un accentuato dinamismo operativo che rappresenta l’effetto di una fattiva e dinamica sinergia operativa fra tutti i Reparti dell’Arma che, con sempre maggiore impegno, sarà orientata ad offrire alla società civile sicurezza, prossimità e rassicurazione”. Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio Federici, esprime il suo vivo apprezzamento per la brillante operazione di servizio e per i positivi obiettivi conseguiti, finalizzati a contrastare i reati predatori che comportano una drammatica alterazione della percezione della sicurezza da parte dei cittadini.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti