Commenta

Torre e Cà d'Andrea, al via
una novità turistica: ecco
il Percorso Sacro con 6 chiese

Le chiese: Sant’Ambrogio, parrocchiale di Torre, Santa Maria Assunta, San Lorenzo, Pieve San Maurizio e San Pietro in Mendicate e San Bartolomeo
Nella foto la chiesa di San Lorenzo Picenardi

TORRE DE’ PICENARDI/CA’ D’ANDREA – C’è una terra, quella dei comuni di Torre dè Picenardi e di Cà d’Andrea, ormai prossimi alla fusione, con le rispettive frazioni, che è sempre stata vocata all’arte, ma che negli ultimi anni, grazie al lavoro della Pro Loco torrigiana, sta riscoprendo e valorizzando le sue bellezze. Non solo il circuito legato a Ville e Castelli, ma ora anche un nuovo percorso, che verrà lanciato proprio la prossima primavera con il via della stagione turistica 2018, dedicato all’arte sacra e alle chiese.

Una proposta che completa il puzzle già ricco grazie alla valorizzazione e all’impegno della Pro Loco di Torre de’ Picenardi, che si è concentrata negli ultimi anni in particolare sulle strutture castellate, come detto, ossia Villa Sommi Picenardi e Castello di S. Lorenzo. Oggi, grazie alla sinergia e all’unità d’intenti con le parrocchie di Torre de’ Picenardi e Cà d’Andrea, ecco i riflettori che si accendono sull’universo del sacro. Sono ben sei le chiese, tre per ciascun comune, ricche di storia e opere d’arte, che potranno d’ora in poi essere scoperte e valorizzate al meglio attraverso sette proposte turistiche, che vedono anche l’abbinamento della bicicletta, attraverso il servizio di bike sharing della Pro Loco oltre che a piedi, per conoscere oltre ai monumenti in sé anche in un modo sano il paesaggio, la campagna e le varie località del territorio. Un modo per promuovere anche una mobilità dolce, abbinandola così alla voglia di scoprire il bello che ci circonda e assieme di promuoverlo.

Il “Percorso Sacro”, sarà attivo nei mesi di aprile, maggio e settembre ed è indirizzato a gruppi/comitive, scuole, su prenotazione nei nei giorni feriali e il sabato; le proposte sono anche personalizzabili a seconda delle esigenze del visitatore, mediante contatto con la Pro Loco. Le chiese, per la precisione, sono quelle di Sant’Ambrogio (la parrocchiale di Torre), Santa Maria Assunta della frazione di Pozzo Baronzio, San Lorenzo dell’omonima frazione torrigiana, Pieve San Maurizio e San Pietro in Mendicate a Cà d’Andrea e San Bartolomeo nella frazione di Casanova d’Offredi. Ciascuna con i suoi tesori d’arte e con affreschi e quadri che possono nascondere inaspettate sorprese, a partire dal nome degli autori: la chiesa di Pozzo Baronzio infatti ospita un’Ultima Cena attribuito alla bottega cinquecentesca del Tintoretto: e questa è solo una delle tante chicche…

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti