Commenta

Viadana, inaugurata nuova
casetta dell'acqua con
una classe della Parazzi

La nuova casetta ha anche una funzione educativa, perché dovrebbe ispirare le buone pratiche ambientali e il consumo consapevole, evitando così l’eccessivo utilizzo di plastica. Da qui l’invito rivolto alle scuole.

VIADANA – Dopo San Matteo delle Chiaviche, anche il centro di Viadana, in via Marconi per la precisione, ha la sua casetta dell’acqua. L’inaugurazione è avvenuta sabato mattina alle 10.30, alla presenza di Giovanni Cavatorta e Alessandro Cavallari, rispettivamente sindaco e vice di Viadana, di don Antonio Censori per la benedizione e della professoressa Mara Saccani e dei ragazzi della classe 3° C dell’Istituto Parazzi.

Cavatorta, prima del taglio del nastro, nel suo discorso ha voluto ricordare la recente inaugurazione di San Matteo, per una casetta che ha sta riscuotendo un grande successo, dato che già 38mila litri in meno di un mese sono stati erogati. Anche la nuova casetta dell’acqua, posizionata in una zona baricentrica rispetto al centro storico, alla zona sportiva e a quella scolastica, potrà erogare acqua naturale e frizzante refrigerate, con ulteriori trattamenti per migliorare l’acqua dell’acquedotto cittadino già comunque potabile.

A realizzarla è stata la ditta Artide, con le risorse del nuovo gestore del servizio di igiene urbana Sesa Adigest. La grafica esterna è stata invece realizzata dall’architetto comunale Tenca ed è stata scelta tra varie proposte. “Una grafica che richiama i nostri paesaggi padani e ci piace molto. Ma un grazie va a tutti coloro che hanno collaborato – ha detto Cavatorta – e in particolare all’ingegner Sanfelici dell’ufficio tecnico comunale per il procedimento, alla dottoressa Mori e al mio vice Cavallari per l’organizzazione”. La nuova casetta ha anche una funzione educativa, perché dovrebbe ispirare le buone pratiche ambientali e il consumo consapevole, evitando così l’eccessivo utilizzo di plastica. Da qui l’invito rivolto alle scuole, con due studenti che hanno preso parte al taglio del nastro.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti