Commenta

Domenica Messa Rai in diretta
da Bozzolo. E sabato a Cremona
apre la mostra su don Primo

Sarà un’ulteriore occasione per far conoscere il pensiero e la modernità del parroco d’Italia. Obiettivi con i quali nel palazzo comunale di Cremona, la mattina di sabato 10 marzo sarà ufficialmente presentata la sala espositiva “Conoscere don Primo Mazzolari”.
Foto e testo dal sito della Diocesi di Cremona

BOZZOLO – La Messa trasmessa domenica 11 marzo su Rai1 (ore 10.55) sarà in diretta dalla chiesa parrocchiale di Bozzolo, dove sono conservate le spoglie del servo di Dio don Primo Mazzolari. La diretta della celebrazione, presieduta dal parroco don Luigi Pisani, è curata dalla Rai in collaborazione con i servizi televisivi dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali e sarà un’ulteriore occasione per far conoscere il pensiero e la modernità del parroco d’Italia.

Obiettivi con i quali nel palazzo comunale di Cremona, la mattina di sabato 10 marzo sarà ufficialmente presentata la sala espositiva “Conoscere don Primo Mazzolari”, allestita nella sala ex violini. Un ulteriore importante tassello del progetto “Le parole di don Primo”, organizzato da Comune di Cremona, Diocesi di Cremona e Fondazione “Don Primo Mazzolari” nell’ambito del programma cultura dedicato al Novecento.
L’appuntamento è alle ore 11. Saranno presenti l’assessore comunale alla Città vivibile e Rigenerazione urbana Barbara Manfredini, il presidente della “Fondazione don Primo Mazzolari” don Bruno Bignami, il parroco della Cattedrale mons. Alberto Franzini. I contenuti dell’esposizione saranno illustrati da don Enrico Maggi e Giancarlo Ghidorsi.

La sala ex violini di Palazzo Comunale, che per l’anno delle celebrazioni monteverdiane è stata dedicata a Claudio Monteverdi, viene ora allestita, all’interno del progetto “Le parole di don Primo”, per far conoscere le opere principali e la biografia del sacerdote cremonese attraverso pannelli esplicativi, video e documenti originali. La si potrà visitare fino al 27 maggio prossimo da lunedì a sabato dalle 9 alle 18, la domenica e i festivi dalle 10 alle 17. L’ingresso è libero e gratuito. Un’esposizione di opere e documenti originali di Mazzolari, con la proiezione del documentario video sulla sua biografia prodotto dal Centro televisivo diocesano TRC (prossimamente diffuso anche dalle frequenze di Cremona1).

“Conoscere don Primo Mazzolari” fa seguito agli altri due importanti appuntamenti tenutisi rispettivamente il 16 febbraio, con la prima lettura pubblica, in Cattedrale, a cura della Federazione Oratori Cremonesi del testo “Chiesa, casa del Padre” (discorso pronunciato nell’ottobre del 1958, quando don Primo fu chiamato a predicare Missione a Ivrea), e il 2 marzo quando, sempre in Cattedrale, con il commento del vescovo Napolioni, l’attore Dario Cantarelli ha riletto “Tu non uccidere” nel quale il “parroco d’Italia” aveva condensato una tormentata riflessione sulla guerra, maturata nel fuoco dei drammi del Novecento.

Il ricco programma di iniziative dedicate al parroco di Bozzolo, che ha preso il via il 13 gennaio con la presentazione del libro “Un’obbedienza in piedi”, proseguirà il 20 aprile, alle 18, con la lettura degli Scritti politici (1948) da parte degli scout Agesci in Sala Quadri, sede del Consiglio comunale, con intervento del Sindaco Gianluca Galimberti.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti