Un commento

Casalbellotto, inaugura nuova
edicola tabacchi. Ed è l'unico
negozio di vicinato rimasto

Sabato alle ore 16 inaugura infatti la nuova edicola tabacchi che sarà gestita da Daniele Diana, quarantenne di Colorno residente a Casalbellotto con la sua famiglia. Un segnale di vita e vitalità che è anche un modo per dare speranza.
Nella foto la nuova edicola tabacchi in via Pellico a Casalbellotto

CASALBELLOTTO (CASALMAGGIORE) – Cercasi attività disperatamente. Negozi di vicinato, per la precisione. A Casalbellotto, frazione di Casalmaggiore, gli ultimi anni sono stati segnati, infatti, da varie chiusure che in via Silvio Pellico, una delle strade centrali del paese, hanno aperto vari buchi e creato un solco rispetto al passato. Dando altresì un segnale chiaro, legato alla crisi e assieme specchio dei tempi.

Partiamo, però, da una buona notizia: sabato alle ore 16 inaugura infatti la nuova edicola tabacchi che sarà gestita da Daniele Diana, quarantenne di Colorno residente a Casalbellotto con la sua famiglia. Un segnale di vita e vitalità che è assieme un modo per dare speranza. C’è chi ha suggerito allo stesso Diana di chiedere i permessi per poter fornire un servizio di vendita di generi alimentari. Lo stesso per il momento, già saturo grazie alle altre categorie merceologiche previste dalla sua attività, ha declinato, invitando però altri commercianti a farsi avanti, perché le vetrine vuote giustamente non piacciono a nessuno. E in tal senso, ricordando nuovamente l’inaugurazione di sabato, è giusto evidenziare come negli ultimi tempi abbia chiuso anche Zanichelli, il forno del paese, di fianco al Rugantino, ristorante che ha invece abbassato le saracinesche da diversi anni. Una decina di anni fa chiuse inoltre Barili, l’altro negozio di alimentari del paese e così per acquistare tale genere di merce tocca affidarsi, in questi giorni, a un furgoncino che vende in proprio e si ferma nelle strade della frazione per soddisfare le esigenze dei clienti. Senza dimenticare, comunque, la macelleria Monti attiva dal 1964 sempre a Casalbellotto in via Pellico.

Casalbellotto non è un paese morto, sia chiaro: troviamo la Farmacia Comunale e anche un bar che offre servizio di ristorazione, proprio lungo la strada, senza dimenticare “La Tavernetta”, un trattoria in piena regola. Manca però, come detto, un negozio di vicinato che, specie nel settore degli alimentari, vada a colmare la falla aperta dallo stop, concretizzatosi negli scorsi mesi, di Zanichelli. Tornando alla nuova edicola tabacchi di via Pellico, va a sostituire il negozio storico aperto dalla famiglia Giamei e che dal 1956 si trovava in via Tommaseo. Quella con Daniele Diana, al di là della scelta di una nuova sede (via Silvio Pellico dista poche decine di metri in linea d’aria dalla precedente ubicazione in via Tommaseo), è stata una staffetta in piena regola, col nuovo gestore che ha mantenuto l’impostazione data dalla precedente titolare. Onore e buona fortuna al nuovo negozio dunque, pur riconoscendo che in paese, ora che il saldo tra chiusure e aperture è rimasto passivo, serve pure qualcosa di più.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Luca Monti

    Caro Gardani, e amici devi studiare storia e geografia di Casalbellotto,hai dimenticato la macelleria Monti 130 anni di storia(60 in paese). Grazie per la stima e affetto che mi dimostrate……….