Cronaca
Commenta

Martignana, arriva la carta d'identità elettronica: e la prima va ad Enore Soldi

La prima storica carta d’identità elettronica è stata assegnata a Enore Soldi, dipendente per quarant’anni dell’Ufficio Anagrafe di Martignana, oggi in pensione. Il documento contiene requisiti di sicurezza anti-contraffazione.

MARTIGNANA DI PO – Dopo che le tre convenzioni tra i comuni di Casalmaggiore e Martignana di Po sono state firmate, ecco che anche nel municipio martignanese arrivano le carte d’identità elettroniche. Un servizio che partirà da lunedì 2 aprile, con un’anteprima presentata però venerdì mattina: il sindaco Alessandro Gozzi assieme alla sua giunta ha infatti voluto premiare, con la prima storica carta d’identità elettronica, Enore Soldi, dipendente per quarant’anni dell’Ufficio Anagrafe di Martignana, oggi in pensione.

Franca Filipazzi e Lino Corradi, in “prestito”, per così dire, da Casalmaggiore, hanno assistito la nuova dipendente dell’Anagrafe martignanese, da pochi giorni in servizio, Giulia Michelotti, che a sua volta ha seguito lo stesso Soldi per il passaggio dalla tradizionale carta d’identità cartacea a quella elettronica. Un modo per mostrare ai media e ai presenti la rapidità dell’operazione, che nel giro di un quarto d’ora arriva a digitalizzare le firme e a processare i vari dati. Servono poi 6 giorni per la consegna del supporto fisico, che viene infatti personalizzato e stampato direttamente dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e inviato via posta all’indirizzo del richiedente.

E’ anche vero che, in caso di necessità conclamata e dimostrata, oltre che di urgenza, è possibile ottenere la carta d’identità elettronica in tempi molto più stretti e brevi. Il costo della carta è di 22.20 euro che si versano direttamente all’Ufficio Anagrafe del comune di Martignana di Po, aperto dal lunedì al sabato alle ore 10 alle ore 13. Una piccola rivoluzione che a Casalmaggiore era partita a gennaio, con alcuni residenti che già hanno richiesto la nuova carta d’identità nonostante quella cartacea ancora non fosse scaduta. In questo caso però serve presentare denuncia di smarrimento oppure mostrare l’effettivo deterioramento del vecchio supporto.

La durata del documento, come noto, varia a seconda dell’età del titolare: 3 anni per i minori di età inferiori a 3 anni, 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni e 10 anni per tutti i cittadini maggiorenni. La vera novità sta nel fatto che il documento, di plastica, ha le stesse dimensioni di una carta di credito e contiene requisiti di sicurezza anti-contraffazione quali microchip e impronte digitali, oltre ai dati anagrafici già presenti nelle vecchie carte d’identità.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti