Un commento

"Roba da agricoltori": i bimbi
dell'asilo Braga a Poviglio per
imparare i segreti del pomodoro

A Poviglio gli iscritti della scuola Braga sono giunti con magliette ad hoc che verranno tenute anche per ricordo della bella esperienza: “Roba da agricoltori” era scritto sulla t-shirt realizzata per l’occasione.

PONTETERRA (SABBIONETA) – L’asilo Braga di Ponteterra colpisce ancora. Lo fa con un messaggio rivolto al futuro guardando però al passato: i bambini che frequentano la struttura della frazione di Sabbioneta, infatti, venerdì mattina sono andati in trasferta in pulmino a Poviglio, in territorio reggiano, presso l’azienda agricola Paolucci. L’intento? Rendere i bambini stessi protagonisti della grande magia sottesa alla coltivazione delle piante. E, nel caso specifico, essendo ormai stagione, dei pomodori.

A Poviglio gli iscritti della scuola Braga sono giunti con magliette ad hoc che verranno tenute anche per ricordo della bella esperienza: “Roba da agricoltori” era scritto sulla t-shirt realizzata per l’occasione. Sottinteso l’altro messaggio: torniamo all’agricoltura. Proprio così: in un mercato del lavoro saturo chissà che a qualcuno di questi cittadini e lavoratori di domani non venga voglia di curare la terra, tornando per certi versi alle origini. Senza esagerare, ovviamente, con i pronostici dato che si parla di agricoltori davvero giovanissimi, che davanti a loro hanno un futuro, una vita e, si spera, tante diverse strade e possibilità di scelta. Insomma, c’è tempo per capire cosa fare da grandi.

Intanto però queste iniziative extra-curricolari sono molto importanti e confermano la grande fantasia anche delle maestre e di chi organizza queste gite e iniziative fuori porta. A proposito di agricoltura e di amore per il verde, non dimentichiamo che gli alunni dell’asilo Braga sono protagonisti, da un paio di estati a questa parte, dell’iniziativa di piantumazione lungo gli arginelli di Vespasiano a Ponteterra di alberi che possano migliorare il decoro naturale della zona. Insomma, a Ponteterra non sono nuovi a iniziative di questo genere: con uno sguardo rivolto al futuro che però non dimentica il passato e le nostre radici.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Eleonora Caliri

    bravi bravissimi continuate;mi ricordo ancora oggi e sono nonna , da bambina a scuola la piantumazione degli alberi , gli eucalipti, una festa e dopo il rispetto per le piante , gli alberi.L’amore si impara e dopo si cresce così nel ricordo e bene