Politica
Commenta

Marcaria, Simonazzi sul bilancio: "Male soldi tolti alle scuole, bene nostri emendamenti"

"Siamo favorevoli ad avere progetti pronti da poter candidare ai bandi che si potranno presentare ma pensare di finanziare questa progettazione, togliendo risorse alla manutenzione degli edifici scolastici non può vederci d'accordo".

MARCARIA – Analizza l’ultimo consiglio comunale di Marcaria il consigliere di minoranza Stefano Simonazzi, in particolare soffermandosi sul bilancio. “Vedo aumentate le spese di progettazione – spiega il consigliere – . Siamo favorevoli ad avere progetti pronti da poter candidare ai bandi che si potranno presentare ma pensare di finanziare questa progettazione, togliendo risorse alla manutenzione degli edifici scolastici non può assolutamente vederci d’accordo. Questa variazione toglie fondi alla manutenzione ordinaria edifici scolastici. Se anche concordiamo che debbano essere fatte le progettazioni per partecipare ai bandi, non possiamo non rilevare che per finanziare queste progettazioni si pensa a togliere risorse dalla manutenzione delle scuole. La sola scuola di Gabbiana ad esempio necessita di adeguamento della linea internet, di sistemazione dell’impianto di riscaldamento e dell’area esterna dove i bambini giocano e questa amministrazione toglie fondi per questi interventi”.

Simonazzi studia poi da vicino anche il regolamento servizi prescuola, postscuola e doposcuola. “Abbiamo votato a favore perché questa amministrazione ha accettato i vari emendamenti che noi abbiamo presentato. Questo regolamento, nella sua stesura originaria, era carente sotto alcuni aspetti ma noi siamo riusciti ad apportare correttivi che permetteranno di dare un servizio migliore alle famiglie. Abbiamo infatti presentato emendamenti per agevolare i cittadini rispetto al servizio. In questo regolamento all’atto dell’iscrizione le famiglie avrebbero dovuto iscrivere i figli senza conoscere le modalità di erogazione del servizio e senza conoscere nemmeno le tariffe; le famiglie con morosità non avrebbero potuto iscrivere i propri figli nemmeno a fronte della regolarizzazione della situazione; infine questo regolamento impediva la possibilità di inserire tariffe agevolate per le famiglie numerose e le famiglie in difficoltà economica. Grazie a nostri emendamenti queste cose sono state modificate e sono state inserite la definizione della modalità e delle tariffe, da parte della giunta, prima dell’iscrizione, la possibilità di prevedere la regolarizzazione delle morosità e soprattutto siamo riusciti, cosa importantissima, a far inserire la possibilità di prevedere sgravi per le famiglie numerose e per quelle che sono in difficoltà economiche”.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti