Commenta

La Cultura volano nell'Oglio Po:
315mila euro da Fondazione
Cariplo per tre capolavori

I sindaci hanno sottolineato come questi risultati - dal 2015 sono già arrivati 7 milioni e 815mila euro a fondo perduto - siano possibili grazie a una visione di rete che prima non esisteva.

SAN GIOVANNI IN CROCE – San Giovanni in Croce, Casalmaggiore e Commessaggio. In questo ordine perché è il comune casalasco più piccolo, in questo caso, a fare da capofila. Tradotto: Villa Medici del Vascello, il Teatro Comunale casalese e il Torrazzo gonzaghesco che si affaccia sul Navarolo. Tre grandi luoghi di cultura uniti in un unico progetto finanziato da Fondazione Cariplo assieme ad altri 12 su un totale di 40 presentati: una scrematura netta che, per cominciare, rende al meglio l’idea di quanto fosse difficile essere premiati da questo bando.

In totale sono stati distribuiti 4.5 milioni di euro. Il contributo a fondo perduto per il percorso comprensoriale sarà del 70%: ossia la Fondazione assegnerà 315mila euro su 450mila euro complessivi. Quel che rimane verrà messo a disposizione dal comune di San Giovanni per una quota di poco meno di 63mila euro e dagli altri due comuni per 36mila euro a testa. A presentare il progetto dal titolo “La Cultura volano del territorio Oglio Po” sono stati, nello splendido parco di Villa Medici del Vascello, dove peraltro in visita vi era una scolaresca di Cremona mercoledì mattina, i tre sindaci Pierguido Asinari per San Giovanni in Croce, Filippo Bongiovanni per Casalmaggiore e Alessandro Sarasini per Commessaggio, oltre a Lara Cavalli, addetta ai bandi che, da qualche mese, sono gestiti da Casalasca Servizi. Per questo ha presenziato pure Filippo Bortolotti, in rappresentanza proprio della partecipata dei comuni. Il grazie è andato ai vari attori di Fondazione Cariplo che hanno seguito da vicino il bando come il presidente Giuseppe Guzzetti, Renzo Rebecchi e la segretaria Maria Luisa Vespertini.

Il progetto si propone di riqualificare, con un nuovo intervento, il Tempio delle Nereidi nel parco di Villa Medici del Vascello, mentre per quanto concerne il Teatro Comunale di Casalmaggiore verrà installato un impianto di climatizzazione che consentirà di usare la struttura anche in estate e verrà sostituita la moquette in platea con il parquet, senza dimenticare altre migliorie. Al Torrazzo di Commessaggio, infine, si lavorerà sull’ultimo piano, chiudendo così un progetto che, sempre finanziato da Fondazione Cariplo, partì cinque anni fa con gli Emblematici Maggiori.

I sindaci hanno sottolineato come questi risultati – dal 2015 sono già arrivati 7 milioni e 815mila euro a fondo perduto – siano possibili grazie a una visione di rete che prima non esisteva. “Oggi non si prende il primo bando che capita – ha aggiunto Sarasini – ma si selezionano quelli davvero interessanti per il territorio”. I tre luoghi di cultura, è stato evidenziato, devono avvicinare scuola e turisti, ma anche aziende, divenendo luoghi ideali per workshop, ad esempio, e valorizzando in questo modo il patrimonio. Intanto questi investimenti hanno creato pure opportunità lavorative, in particolare nel settore turistico, con tante giovani guide che già si muovono a Villa Medici e non solo.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti