Ultim'ora
Commenta

Oltre le Little Free Library:
un libro per monumento per
la circolarità della cultura

I libri messi a disposizione di questo esperimento sono quelli avanzati da un prestito giunto al comune di Sabbioneta per rimpinguare le Little Free Libray. Dalle quali, insomma, tutto è partito.

SABBIONETA – In principio furono le Little Free Library che tre anni fa portarono anche a Sabbioneta e frazioni il fenomeno del book crossing. Piccole librerie, o piccole biblioteche, poste vicino ad alcuni luoghi pubblici o in mezzo al verde, in cui chiunque può arrivare, prendere a prestito un libro, sfogliarlo, leggerlo e poi riportarlo, magari in alternativa aggiungendo un altro testo della propria libreria di casa.

L’idea venuta al sindaco di Sabbioneta Aldo Vincenzi è per certi versi più estrema e rivoluzionaria: il sindaco infatti intende lasciare – a partire da queste giornate di primavera in cui i turisti arriveranno in buon numero in città – 5-6 libri su panchine o vicino a monumenti del centro storico. In questo modo chiunque, incuriosito, potrà aprire lo scritto e sfogliarlo, trovando al suo interno un brevissimo regolamento, in pochi punti. Lo stesso che governa le Little Free Library, senza però una fissa dimora, per così dire.

Può capitare, infatti, che il libro finisca a un turista giunto da un’altra città, un’altra provincia, un’altra regione, anche un altro Stato e qui poi – tornando a casa – possa portare l’opera. “In questo modo – precisa Vincenzi – creeremmo una vera e propria circolarità della cultura, facendo in modo che gli scritti giungano in vari luoghi per essere scoperti e letti da un pubblico potenzialmente smisurato. Pure qui, come per le Little Free Library, vale il principio del libero scambio e dunque è possibile, anzi tale gesto viene caldeggiato, lasciare un libro che magari per anni è rimasto a prendere polvere sugli scaffali”.

Quella del weekend in arrivo e dei prossimi fine settimane che portano alla bella stagione saranno una sorta di prova, ha precisato Vincenzi, sperando che l’iniziativa attecchisca e che i volumi possano essere raccolti, scambiati e letti. Peraltro i libri messi a disposizione di questo esperimento sono quelli avanzati da un prestito giunto al comune di Sabbioneta per rimpinguare le Little Free Libray. Dalle quali, insomma, tutto è partito.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti