Commenta

Piadena: domenica la
tradizionale festa della
lavanda da Jenny Green

Si potrà assistere alla distillazione della lavanda per la produzione di olio essenziale, visitare le coltivazioni in fiore, degustazione prodotti a base di lavanda con intrattenimento per bambini

 

PIADENA _ Con l’avvicinarsi dei giorni del solstizio d’estate,  in cui le erbe officinali sprigionano un’energia speciale, torna la tradizionale festa della lavanda presso l’azienda Jenny Green di Piadena, in via Castello 25. Quest’anno l’appuntamento riserva un nutrito programma. Al mattino, verso le 9.30,  si potrà assistere alla distillazione della lavanda per la produzione di olio essenziale   e per tutto il giorno saranno organizzate visite guidate alle coltivazioni in fiore, con degustazione di prodotti a base di lavanda e si potrà partecipare a molteplici momenti di animazione con giochi per bambini, intrattenimenti musicali, percorsi fotografici. Programma completo: www.jennygreen.it  La festa è un’occasione per conoscere la storia di un’azienda al femminile che, di fronte alla crisi del distretto vivaistico ha saputo diversificare le proprie coltivazioni. Un’innovazione di prodotto che è un punto di riferimento a livello nazionale  con l’organizzazione di corsi sulla coltivazione, la trasformazione e la commercializzazione di piante officinali. Un’attività  che  cambiato il paesaggio rurale di quella terra.

Un’occasione anche per conoscere gli sviluppi normativi sulla coltivazione delle piante officinali. La festa,  cade, infatti, quest’anno a pochi giorni dall’approvazione del nuovo testo unico  in materia di coltivazione, raccolta e prima trasformazione delle piante officinali. Il decreto del 16 maggio 2018,  fa proprie le conclusioni  del tavolo di filiera delle piante officinali, istituito nel 2013 e, tenendo conto  delle normative europee,  adegua la disciplina  vigente dando un nuovo assetto al settore, in modo da favorirne la crescita e lo sviluppo e di valorizzare le produzioni nazionali, garantendo, nel contempo, al consumatore  una maggiore trasparenza e conoscenza del settore.

 

© Riproduzione riservata
Commenti