Un commento

Ponte Viadana-Boretto a senso
unico alternato per lavori:
6 km di coda, è caos traffico

Per fortuna - anche se sa di presa in giro scriverlo in questo momento - i lavori sono circoscritti alla giornata di martedì e termineranno alle ore 22. Dopo di che la situazione dovrebbe normalizzarsi.

VIADANA – Sei km di coda alle 8 di mattina per raggiungere il ponte di Viadana: code da 40 minuti a un’ora per i pendolari che devono passare sulla sponda emiliana del Po, raggiungendo Boretto per la precisione. Una brutta sorpresa, martedì mattina, per tutti loro, anche se a dire il vero forse non occorre nemmeno parlare di sorpresa, dato che i disagi erano purtroppo stati annunciati.

I lavori di consolidamento al ponte Viadana-Boretto, con conseguente adozione del senso unico alternato regolato da due semafori, erano stati annunciati dalla Provincia di Mantova ed era stata scelta la giornata di martedì 12 giugno, perché le scuole sono già finite e perché, stando ad alcuni studi, è questo il giorno in cui il flusso di traffico è minore. Tuttavia questo non è bastato per evitare un caos incredibile, che sta mettendo a dura prova la pazienza di chi è di passaggio.

Uno dei primi messaggi è giunto da Stefano Capaldo del Movimento 5 Stelle Viadana, via Facebook: “Da stamattina iniziano i lavori sul ponte di Viadana con traffico alternato verso l’unica direttrice verso Parma-Colorno. Per chi deve passare per il Ponte di Viadana vi dico che ci sono 6 km di coda a partire da Cogozzo con tempi di 50 minuti per arrivare sul ponte. Un traffico disumano. È impensabile nel 2018 che non esistano infrastrutture adeguate per le necessità del nostro territorio. Parlo anche di Casalmaggiore, San Daniele e Guastalla. Rischiamo l’isolamento totale con l’Emilia Romagna. Farò di tutto e l’impossibile per portare questi temi ai nostri parlamentari 5 stelle affinché si affronti questa emergenza ereditata da anni di strafottenza governativa”.

Per fortuna – anche se sa di presa in giro scriverlo in questo momento – i lavori sono circoscritti alla giornata di martedì e termineranno alle ore 22. Dopo di che la situazione dovrebbe normalizzarsi, pur con i disagi che, stante la chiusura del ponte di Casalmaggiore, il territorio Oglio Po continuerà a vivere.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Delafuerte

    Dare dei deficienti a costoro, è un eufemismo; una manica di incompetenti che non sanno far altro che aggiungere disagio al disagio.
    Farli il weekend?
    Farli di notte?!
    No eh?!