Commenta

Quattrocase, festa del
gnocco fritto e Mud Track
Race protagonisti del weekend

Oltre al cibo, protagonista della festa è stata anche la solidarietà e un momento di aggregazione sportiva: il Mud Track Run, un percorso ad ostacoli che ha fatto divertire un sacco grandi e bambini. FOTOGALLERY

QUATTROCASE (CASALMAGGIORE) – Una ventina di donne all’impasto, 4 mega friggitrici, 5 affettatrici per un totale di 150 addetti a i lavori, sono i numeri della festa dello gnocco fritto di Quattrocase, perché quando questo piccolo paesino organizza qualcosa lo fa in grande! A raccontare l’esperienza è Patrizia Rimoldi, food blogger che ha partecipato alla rassegna. “Anche quest’anno, lo scorso 15, 16 e 17 giugno – scrive – si è svolta la tradizionale festa dello gnocco fritto organizzata dall’Associazione Gruppo Emergenti di Quattrocase, ed io non ho certo potuto rifiutare un invito così gradito, perché trovo che è proprio in questo tipo di feste che si possono gustare piatti tipici strepitosamente buoni! La festa era gremita di persone e tra i tanti piatti gustosi, lo gnocco fritto è quello che ha avuto sicuramente più successo, per prepararlo una stirpe di volontari: chi in cucina a impastare, tirare e tagliare l’impasto, chi a friggere e chi, addetto alle affettatrici per tagliare un’enorme quantità di salumi, soprattutto prosciutto crudo, da accompagnare allo gnocco fritto! Oltre a questo piatto, dalla cucina uscivano grigliate miste, carne di Angus, tortelli, risotti e dolci, il tutto accompagnato da molta allegria e ottima musica. In questa occasione ho anche potuto assaggiare una versione di gnocco fritto che non avevo mai provato, ovvero la gnocca fritta… la differenza? Un impasto preparato con farina di mais!”.

“Oltre al cibo, protagonista della festa – spiega sempre Rimoldi – è stata anche la solidarietà e un momento di aggregazione sportiva: il Mud Track Run, un percorso ad ostacoli che ha fatto divertire un sacco grandi e bambini. “Quest’anno – mi ha raccontato Patrizia Sbernini, una responsabile dell’associazione – il ricavato della lotteria andrà all’associazione Amici dell’Ospedale Oglio Po, che si occupa di acquistare strumentazioni da donare al nostro ospedale raccogliendo le richieste dei vari reparti. Questi strumenti servono poi alla popolazione del nostro territorio che vedono i tempi di attesa diminuiti e la possibilità di effettuare esami senza doversi spostare in altre strutture lontane. In particolare noi abbiamo contribuito nell’acquisto di uno strumento richiesto dall’ambulatorio di oculistica per la diagnosi del glaucoma: con questo  nuovo strumento l’esame verrà eseguito di routine su tutti facendo in questo modo prevenzione”. “In occasione delle nostre feste – mi ha raccontato ancora Patrizia – c’è sempre chi dedica tanto tempo e fatica a chi per vari motivi ha meno tempo a disposizione ma che, si mette a disposizione a fare qualsiasi tipo di mansione con un obiettivo comune, che non è solo raccogliere fondi per sistemare il nostro oratorio o da devolvere in beneficenza, ma soprattutto ritrovarsi come comunità per mantenere vivi e saldi i legami tra noi… siamo un piccolo paese ma durante queste feste ci sentiamo più uniti e forti! Quello che forse ci dà più soddisfazione è vedere tanti giovanissimi (ma anche bambini…) impegnarsi tutti insieme e collaborare con chi è meno giovane ma che ha ancora tanto da dare. Senza di loro non faremmo niente: è questa la nostra forza e forse il segreto del successo delle nostre feste”.

Tornando al Mud Track Run, questo si è svolto sabato per la seconda edizione: si tratta di una competizione non agonistica, dove i partecipanti con spirito avventuriero si sono cimentati in una corsa “campestre”, irta di ostacoli immersi nella natura. In questa sfida i veri avversari erano i propri limiti fisici e di voglia di divertirsi. Il primo ostacolo era sin dalla partenza stare senza Smartphone, al giorno d’oggi cosa non da poco… Considerato che era solo la seconda edizione la partecipazione è andata oltre ogni aspettativa e i partecipanti sono stati oltre 200. Senza togliere niente a tutte le “attrazioni” organizzate nel contenitore della festa, il tratto tra fango e acqua ha suscitato un vero plebiscito di consensi. Il tutto si è svolto nel massimo della sicurezza con oltre 30 commissari disposti lungo tutto il tracciato col compito di vigilare sul corretto svolgimento della manifestazione. Ad ogni partecipante è stata consegnata la maglietta ufficiale dell’evento 2018 e prodotti tipici del luogo.

Gli organizzatori Francesco Sarzi Amadè, Paolo Ghelfi, Micheal Boldrini e Thomas Bertazzon sono soddisfatti e non mancano di ringraziare tutti quelli che hanno partecipato alla realizzazione degli ostacoli. Un post di un genitore su Facebook, pubblicato dopo l’avventura della Mud Track Race, ha colto i vero spirito dell’avventura “Cara Mamma e Papà che leggi, chissà quante volte voi genitori avete sguazzato nel fango da bambini? Quanti dei vostri figli fino ad oggi hanno fatto lo stesso?”. Alla domanda ad un bambino che correva, “HEI ti piace??”, la risposta è stata: “E’ una figata Pazzesca”, esclamazione ripetuta anche da uno dei più attempati tra i concorrenti. Alla corsa hanno partecipato anche l’assessore allo Sport Giuseppe Scaglioni e il consigliere Pierfrancesco Ruberti. Senza nulla togliere alle istituzioni però hanno riscosso molto successo le due mascotte: un’agilissimo Uomo ragno e una particolarissima Pamela Anderson. Al termine dell’evento melone e rinfresco per tutti e un super arrivederci all’anno prossimo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti