Ultim'ora
Commenta

Martignana Run, 160 al via
per scoprire gli scorci di
una nobiltà contadina antica

Il percorso era semi cittadino con scorci di storia contadina tra le volte a botte della Cascina Bastia, aie in cotto ferme nel tempo, e l'invito di un Palazzo aristocratico immerso in un verde ai più sconosciuto. FOTOGALLERY

MARTIGNANA DI PO – Una prima edizione che ha guardato al passato. Ma che, a giudicare dalla partecipazione, può assolutamente avere un roseo futuro. La “Martignana Run” si è svolta domenica mattina nella campagna e negli splendidi paesaggi disegnati e offerti dalla stessa nel territorio comunale martignanese: 147 i partecipanti, 157 se contiamo anche i dieci bambini che hanno preso parte alla sgambata da 450 metri, alla scoperta del Parco dei Fadigati. Dieci minuti dopo questa passeggiata, ossia alle 8.40, sono partite sia la passeggiata non competitiva per i camminatori da 5 km, anche con passeggini, sia la gara per agonisti da 5 o da 8 km a seconda delle categorie. Tra i bambini sono giunti al traguardo per primi Giulio Isaia, Alessandro Marinake e Robert Marinake, tra le bambine invece Giada Sbernardori, Matilde De Gaetanis e Bianca Aldovini, mentre la bimba più piccola iscritta è stata Emma Formica. Guardando invece alla gara competitiva, senza tralasciare una citazione per i gruppi di camminatori che non sono mancati, hanno tagliato il traguardo per primi sulla 8 km Giuseppe Mancastroppa, Simone Anelli e Fabio Ferrari; per le donne Marina Lazzarini, Blerina Bregu e Simona Violi.

Il percorso era semi cittadino con scorci di storia contadina tra le volte a botte della Cascina Bastia, aie in cotto ferme nel tempo, e l’invito di un Palazzo aristocratico immerso in un verde ai più sconosciuto. “Il circuito della gara – spiega Andrea Visioli, organizzatore con Eridano Adventure – ha attraversato infatti in maniera inedita la cascina ed il parco storico dell’antica residenza dei nobili Fadigati: difficile non restare impressionati dalle imponenti forme dell’austero palazzo, in posizione decentrata rispetto al cuore del paese, ed edificio con antico ruolo di sentinella. Laddove un tempo da tradizione si tramanda sorgesse una fortezza, la “Bastia”, splendida dimora aristocratica. La gara ne ha attraversato il Parco secolare, godendo della sua frescura, dei suoni e delle ombre verdi. E’ stato quasi un dovere oggi tracciare una gara qui: motivo d’orgoglio per noi organizzatori e vanto per questa gente ancora così presente in mura di fatiche e sogno semplice. Mia nonna pure ci abitava e ne coltivo l’ombra. La Fortezza Fadigati ha la magia di uno scrigno per pochi, del fantasma nobilmente custodito, oggi gelosamente difeso”. Tanti gli sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa, tra cui Azienda Farmaceutica Municipale, che ha preso parte con il proprio stand alle premiazioni, senza scordare Sinergy Fisioterapia, E’ Più Padania Alimenti, Cleca San Martino, Studioevolvente.it, MgK Vis. Ma il grazie più grande è andato ai volontari e alla Pro Loco di Martignana di Po, che hanno permesso quest’organizzazione eccellente.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti